Protect Paradise è un successo: via 700 kg di plastica dalle spiagge grazie a Corona

Volge al termine la campagna estiva dedicata alla pulizia del territorio. Lanciata da Corona, main partner di Jova Beach Party, ha impiegato 512 volontari in 13 tappe da nord a sud dell'Italia

I volontari di Project Paradise

Sta giungendo al termine la lunga estate di Corona, costellata da tanti appuntamenti dedicati alla sensibilizzazione verso la tutela del territorio e, in particolare, delle nostre spiagge. Il brand, da sempre impegnato nella salvaguardia dell’ambiente, è stato protagonista assoluto in numerose località della costa italiana grazie all’iniziativa 'Protect Paradise', con l’obiettivo di ispirare un vero cambiamento incentivando i consumatori a ridurre i consumi di plastica e a non inquinare, partendo da piccoli gesti quotidiani.

Da inizio giugno, quando l’intero progetto è stato presentato con una grande festa sul Naviglio Grande di Milano, Protect Paradise si è sviluppato – grazie alla collaborazione con Parley for the Oceans – lungo 13 tappe (come Ostia e Genova, passando per Cagliari, Salerno e Pescara). Corona e Parley hanno ripulito complessivamente 558.622 metri quadrati di spiaggia, coinvolgendo 512 volontari che hanno raccolto ben 666,4kg di plastica. A questi si devono aggiungere anche i 200kg di plastica raccolti in soli 4 giorni (dal 5 al 9 giugno) grazie alla all’iniziativa Pay with Plastic: 2000 persone hanno inserito una bottiglietta di plastica nell’apposita plastic machine posizionata in Ripa di Porta Ticinese a Milano per ricevere in cambio un coupon che gli ha dato diritto a una bottiglia di Corona gratuita.

corona_x_parley_ladispoli_27_07_2019_20887-2

Corona e Jovanotti per l'ambiente

L’estate di Corona è stata anche nel segno della musica grazie agli appuntamenti del Jova Beach Party, il progetto che dal 6 luglio ha portato la musica di Lorenzo Jovanotti e dei suoi ospiti in tutta Italia. Corona, main partner del tour, si è fatta portavoce del progetto perché è nata sulla spiaggia e considera i litorali e i mari come fossero casa sua. Per questo, si è impegnata a lasciare le location che hanno ospitato le date del tour “meglio di come le abbiamo trovate”, nella convinzione che siano un paradiso in cui non c’è posto per la plastica e che si debba partire dai piccoli gesti per proteggerle.

L’ultimo appuntamento sarà quello di sabato 21 settembre a Milano Linate, per festeggiare la chiusura di quella che, spiaggia dopo spiaggia, è diventata la più grande festa “dopo il big bang”. Nel villaggio del Jova Beach Party all’interno dell’aeroporto di Linate, Corona allestirà come sempre una vera e propria chill out area per tutti gli spettatori, in cui rilassarsi e vivere insieme i momenti più emozionanti dell’ultimo atto della festa più lunga dell’estate.

A Linate arriverà anche l’Onda, l’installazione d’impatto inaugurata a giugno sul Naviglio e che torna a Milano dopo aver affascinato (e fatto riflettere) tutti gli spettatori del Jova Beach Party nelle varie tappe, che raffigura uno dei fenomeni naturali più maestosi, completamente realizzata con materiali di scarto di plastica (15 metri cubi di materiale per un peso di circa 220kg, con oltre 12.000 bottigliette e bicchieri).

Corona_x_Parley_15_06_2019_Genova_9304 (1)-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Buoni fruttiferi postali, il "brutto pasticcio" sui rimborsi

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 20 febbraio 2020

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 18 febbraio 2020

  • C'è posta per te, Maria De Filippi perde la pazienza: "Non ce la posso fa"

  • Heather Parisi: "La mia vita in Cina nell'inferno del Coronavirus. Qui si lavora da casa, i prodotti sono razionati"

Torna su
Today è in caricamento