Cannabis light, Salvini ha perso: perché i negozi delle polemiche restano aperti

Sconfitta la linea del ministro dell'Interno: i negozianti vincono i ricorsi in tribunale. I prodotti con Thc tra lo 0,2 e lo 0,5% non sono stupefacenti

Prodotti realizzati con cannabis light e derivati dalla canapa in un negozio di Roma. ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

"Li chiuderò tutti, uno a uno", aveva detto Matteo Salvini riferendosi ai negozi di cannabis light, dopo la sentenza della Cassazione che, lo scorso maggio, aveva imposto il divieto di vendita di prodotti derivanti dalla canapa. Non sta andando così, perché i giudici chiamati in causa dai titolari dei negozi sono di parere diverso: la cannabis light non è drogante e la legge permette la vendita.

I tribunali italiani danno dunque ragione a produttori e commercianti di infiorescenze della cosiddetta "erba light", cioè con un contenuto di Thc tra lo 0,2 e lo 0,5%. Vediamo perché.

Perché i giudici riaprono i negozi di cannabis light

Dopo la sentenza della Cassazione, il copione è sempre lo stesso, con la polizia che sequestra la merce e fa chiudere il negozio di cannabis light. Il negoziante fa ricorso, chiedendo l'intervento della magistratura che controlla il contenuto di Thc (delta-9-tetraidrocannabinolo), cioè l'elemento "drogante" e lo trova al di sotto di 0,5%. Qui la legge parla chiaro: è quello il limite che stabilisce se il prodotto della canapa è stupefacente oppure no. A maggio la Cassazione aveva imposto "la vendita o la cessione a qualunque titolo dei prodotti derivati dalla coltivazione della cannabis (olio, foglie, infiorescenze e resina)" salvo che "tali prodotti siano in concreto privi di efficacia drogante".

L'attuale legge sulle droghe stabilisce che la cannabis è da considerarsi light se il Thc è al di sotto della soglia di 0,5%. In Italia manca una norma che stabilisca come si dimostra l’effetto-droga. L’unico riferimento di legge resta quindi lo 0,5% di Thc: sotto questa soglia non è da considerarsi uno stupefacente. Ecco perché i magistrati ordinano i dissequestri e fanno riaprire i negozi messi sotto sequestro dal decreto Salvini.

Per approfondire:

cannabis light negozio ansa2-2

Guarda anche

Salvini a Bologna: in 5mila al Paladozza, diecimila nella piazza delle "sardine"

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Caricamento in corso...
Caricamento dello spot...

Lucia Borgonzoni e Matteo Salvini al Paladozza per l'evento ufficiale di apertura della campagna per le elezioni regionali. Dall'altro lato, un fiume di persone scese in strada: sono le 'sardine' di Piazza Maggiore. BolognaToday ha indagato gli umori degli schieramenti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Busta paga più ricca da luglio: cambia anche il bonus Renzi, gli 80 euro diventano 100

  • Oroscopo Paolo Fox, le previsioni della settimana dal 20 al 26 gennaio 2020

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • A 12 anni va in ospedale per il mal di pancia: scoprono che è incinta di sette mesi

  • Sanremo 2020, la furia di Claudia Gerini contro Amadeus: "Comportamento inaccettabile"

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 16 Gennaio 2020

Torna su
Today è in caricamento