Coronavirus, perché il numero dei morti in Italia è ancora così alto

"Effetto trascinamento molto lungo fra il contagio e il decesso, pari a 2-5 settimane - spiega Brusaferro (Iss) - Questo trascinamento è la ragione per cui vediamo ancora un numero importante di morti". In Italia l'età media dei deceduti è di 80 anni

Brusaferro in conferenza stampa: è il presidente dell'Istituto superiore di sanità (Iss) Foto: Ansa

La strada è lunga, ma ci sono segnali di decrescita della curva epidemica. Il numero di decessi resta altissimo perché fra il contagio e la morte passano dalle 2 alle 5 settimane. "Il quadro di decrescita della curva epidemica rimane costante ed è positivo perché dimostra che le azioni sono efficaci nel rallentare la diffusione dell'epidemia nei diversi contesti dove la circolazione è diversa". Lo dice il presidente dell'Istituto superiore di sanità (Iss), Silvio Brusaferro. "Il dato della Lombardia - spiega - conferma il trend di cui parliamo, anche il Piemonte è coerente rispetto al trend identificato, come in Veneto dove c'è un dato coerente, in Emilia Romagna, in Regioni del Centro come le Marche dove c'era il focolaio di Pesaro: anche in questo caso il trend che vediamo è decrescente. Lo stesso in Regioni del sud come Calabria e Basilicata. Il quadro quindi conferma il trend indicato nei giorni scorsi che ci dice che la curva sta calando. Ma i segnali positivi che stiamo vedendo in questi giorni - ammonisce Brusaferro - non devono farci abbassare la guardia: le azioni intraprese sono importanti ma non devono illuderci che la situazione si risolva. Queste misure di distanziamento e igiene personale sono essenziali se vogliamo far sì che una volta scesa la curva si mantenga bassa".

Coronavirus, l'età media dei deceduti in Italia è di 80 anni

Gli studi dell'Iss fanno emergere anche altro: "Il dato di letalità viene confermato prevalente nelle fasce di età sopra i 70 anni che sono quelle che pagano il dazio più elevato: l'età mediana dei pazienti deceduti è di 80 anni, soprattutto uomini (le donne sono il 32%) e la comorbidità è molto presente: il 63% di chi è morto aveva più di 3 patologie". C'è inoltre "un effetto trascinamento molto lungo fra il contagio e il decesso, pari a 2-5 settimane: questo trascinamento è la ragione per cui vediamo ancora un numero importante di morti"

Brusaferro (Iss): "Evitare che i contagi aumentino dopo Pasqua"

"La Pasqua è un momento familiare, di incontro, di condivisione, oltre che un momento religioso per tutti i credenti, dove di solito ci aggreghiamo. Purtroppo quest'anno non possiamo farlo, dovremo unirci nei sentimenti, nei cuori, negli affetti ma mantenendo il distanziamento sociale". Sono giorni decisivi e bisogna restare a casa. "Il fatto che le curve scendono - evidenzia - è un segnale positivo e ci fa auspicare che possiamo controllare questa epidemia, ma lo possiamo fare solo se ci distanziamo. I punti essenziali sono che il numero dei contagi non deve superare l'R0 uguale a 1 e questo è l'obbiettivo prioritario, altrimenti la curva riparte e nessuno di noi vuole questo. Il distanziamento sociale, l'igiene personale e vorrei enfatizzare anche tutto il tema del contatto, del lavaggio delle mani e dell'attenzione a come ci muoviamo e negli ambienti. La sfida sarà riorganizzare la nostra vita con queste misure".

Covid-19, letalità e inquinamento atmosferico: correlazione da approfondire

"Non bisogna assolutamente deflettere dalle misure messe in campo fino a oggi con il dato premiante di avere evitato che in alcune regione si ripetesse quanto accaduto in Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte e Veneto", ha aggiunto il presidente del Consiglio superiore di sanità (Css), Franco Locatelli, il quale ha poi affrontato il tema del possibile legame tra epidemia ed inquinamento: "La correlazione fra polveri sottili e mortalità è un'informazione importante che contribuisce a definire meglio lo scenario dei fattori di rischio: quelli portati avanti sono studi importanti da tenere nella giusta considerazione, ma da qui a trarre conclusioni definitive ce ne corre un pochino, anche se di certo non li sottovalutiamo". Locatelli rispondeva a una domanda su recenti studi, uno dell'università di Catania e uno del Nord America, che correlano le polveri sottili con le infezioni Covid-19.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"C'è un dibattito acceso su questo tema - ha aggiunto Brusaferro - ci sono una serie di evidenze che abbiamo anche da prima sulla correlazione fra polveri sottili e infezioni respiratorie. E' un dato noto, che conoscevamo e che colpisce anche i bambini e ha quindi una asincronia rispetto al quadro epidemiologico attuale. L'aumento dell'esposizione a queste polveri favorisce l'insorgenza di infezioni; il dato che si sta esplorando in questi giorni in America è più ampio e correla il numero di casi positivi ad aree del paese dove c'è stato negli anni un incremento delle polveri sottili. E' un dato ampio che va analizzato".

Coronavirus, il punto sul vaccino: 115 candidati, cinque in fase clinica

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • SuperEnalotto, vinti 59 milioni di euro nell'estrazione di oggi martedì 7 luglio 2020

  • Coronavirus, in arrivo un altro Dpcm di Conte: ecco le nuove misure dal 14 luglio

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 9 luglio 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 11 luglio 2020

  • Giro d'Italia 2020, tutte le tappe: altimetria, calendario e percorso

  • Mamma controlla il cellulare del figlio e scopre l'orrore: denunciati 20 minorenni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento