Il Giornale contro Luxuria: "In Rai spiega ai bimbi come si diventa transessuali"

Scoppia il caso dopo il titolo in prima pagina de Il Giornale. L'ex parlamentare di Rifondazione Comunista che sabato sera ha partecipato al programma "Alla Lavagna!" su RaiTre replica: "Non hanno visto la trasmissione o sono in malafede menzognera. I bambini sono più avanti di certi adulti"

Vladimir Luxuria ospite di "Alla Lavagna!" su Rai3

"In Rai Luxuria spiega ai bimbi come si diventa transessuali". Titola così Il Giornale oggi in edicola. E scoppia il "caso", dopo la partecipazione di Vladimir Luxuria alla trasmissione di RaiTre "Alla Lavagna!", nella puntata andata in onda sabato in seconda serata dopo lo slittamento in una fascia oraria diversa dalla prima serata (che di solito è lo spazio riservato al programma). "Alla Lavagna!" è il programma di RaiTre in cui personaggi famosi del mondo della politica, del giornalismo e dello spettacolo, si sottopongono alle impertinenti domande di una classe di agguerritissimi bambini, tra i 9 e i 12 anni. E sabato è stato il turno di Luxuria, ex parlamentare di Rifondazione Comunista.

Vladimir Luxuria spiega la transessualità ai bambini e Il Giornale la attacca

Da dove nasce il titolo "provocatorio" (per non dire subdolo) de Il Giornale, in un articolo a firma di Paolo Bracalini? Il quotidiano diretto da Alessandro Sallusti se la prende con Luxuria per aver spiegato ai bambini l'essere transgender. L'ex deputata, in realtà, ha raccontato agli studenti il suo passato e i turbamenti giovanili per la propria sessualità. E oggi, dopo le polemiche, replica così: "Non ho fatto alcuna lezione su come si diventa trans perché anzi ho cercato di spiegare che si nasce gay o trans. Ho parlato soprattuto di bullismo. Ma queste polemiche dimostrano che i bambini sono molto più avanti di certi adulti".

"Questo programma - confessa Luxuria - è stata una delle cose più belle che ho fatto nella mia vita. I bambini erano vigili, curiosi, attenti e pieni di domande. E io, come faccio anche nella vita quotidiana, ho risposto a tutto, sempre con tatto e credo con intelligenza. Anche perché, se non si danno risposte ai bambini, loro ti guardano con diffidenza e cercano risposte altrove, magari sul web, dove possono trovare risposte non proprio raccomandabili", aggiunge l'ex parlamentare, sottolineando che "tutti i genitori dei bambini presenti in trasmissione avevano dato il consenso alla puntata con me e alla fine si sono complimentati per come era andata".

"Eppure - commenta Luxuria - ancora questa mattina ho letto sulla stampa commenti in malafede, che istigano all'omofobia. Ecco: gay o trans si nasce ma omofobi si diventa per le paure che vengono provocate con certi commenti. Quei commenti da cui trapela che, in fondo, se sei gay o trans ti meriti una vita infelice e magari pure gli insulti o le botte", dice Luxuria invitando chi avesse dei dubbi ad andare su RaiPlay a rivedere la puntata (visibile a questo link).

"Speravo - conclude - che fosse sufficiente lo spostamento della puntata dalle 20.20 alle 22.25 ma per alcuni non è bastato. Però io sono ottimista, perché se i bambini con cui ho parlato sono il futuro, forse posso sperare in un mondo migliore".
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il concorso “per tutti” (o quasi): 616 posti a tempo indeterminato, basta la licenza media

  • Gianni Morandi racconta il dolore per la perdita della figlia

  • Temptation Island Vip 2019: puntate, coppie e tutte le anticipazioni

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di giovedì 10 ottobre 2019: i numeri vincenti

  • Ora solare 2019: conto alla rovescia per il cambio dell'ora (e presto ci saranno novità)

  • Imu e Tasi, ci sono novità: rischio stangata, ma per alcuni sarà conveniente

Torna su
Today è in caricamento