Migranti, altro che invasione: sbarchi dimezzati nel 2019

Il Viminale ha pubblicato i dati sugli sbarchi aggiornati al 24 dicembre: quest'anno sono arrivati 11.439 migranti, il 50% in meno rispetto al 2018

Foto di repertorio

Nel 2019 i migranti sbarcati sul territorio italiano sono stati la metà rispetto all'anno precedente. Il dato mostra gli arrivi in calo, al contrario di chi ancora grida all'invasione, arriva direttamente dal Viminale

Migranti, sbarchi dimezzati nel 2019

Secondo il report su sbarchi e accoglienza, pubblicato sul sito del Ministero dell'Interno e aggiornato al 24 dicembre 2019, nell'anno che si sta per concludere sono arrivati 11.439 migranti, il 50,72% in meno rispetto al 2018, quando ne sbarcarono 23.210.

migranti-dati-2019-2

Un dato che aumenta ancora di più rapportandolo con il 2017, quando arrivarono 118.914 migranti, il 90,38% in più rispetto a quest'anno.

migranti-dati-viminale-confronto-anni-2

Migranti, la maggior parte vengono da Tunisia e Pakistan

Secondo i dati del ministero dell'Interno, aggiornati al 24 dicembre, il maggior numero di migranti sbarcati in Italia sono di nazionalità tunisina (2.654). Seguono i pachistani (1.180) e gli ivoriani (1.135). I minori stranieri non accompagnati sono stati 1.618, circa mille in meno rispetto al 2018 e 14mila rispetto al 2017.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

migranti-dati-2019-nazionalita-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morta Susanna Vianello, figlia di Edoardo e Wilma Goich

  • Massimiliano e Davide uccisi, lo strazio della sorella: "Mi sembra di impazzire"

  • Coronavirus, dagli alimenti alle banconote: a cosa stare attenti quando facciamo la spesa

  • Michelle Hunziker, famiglia XXL in quarantena: "Per me Goffredo e Sara due figli acquisiti"

  • Coronavirus, le tre condizioni (secondo il virologo) per tornare alla "pseudo normalità"

  • Coronavirus, perché i contagi restano stabili: "Il paradosso del plateau"

Torna su
Today è in caricamento