L'annuncio di Sandro Ruotolo: "Sospesa la revoca della mia scorta"

Manca ancora la comunicazione formale ma "è tutto vero", scrive il giornalista su Twitter. "La scorta resta", dice

ANSA/ CESARE ABBATE

E' stata sospesa la revoca della scorta al giornalista Sandro Ruotolo. Ad annunciarlo è lo stesso cronista napoletano in un tweet: "Anche se non ho ricevuto ancora una comunicazione formale è tutto vero". 

"Dal 15 febbraio non sarei più stato protetto. La scorta resta. Gli organi preposti dovranno quindi rivalutare la mia situazione e decidere di conseguenza", scrive Ruotolo. 

ruotolo-4

La notizia era stata anticipata anche da Paolo Borrometi, cronista siciliano che vive sotto scorta per le minacce subite dalla mafia. Conversando con i giornalisti a margine della cerimonia per il conferimento della cittadinanza onoraria di Palermo, concessagli dal sindaco Leoluca Orlando, Borrometi aveva detto: "Posso darvi una buona notizia: ho sentito qualche minuto fa Sandro e mi ha detto che gli è stata comunicata la revoca della sospensione della scorta. Continuerà a essere protetto dallo Stato”.

Quattro giorni fa era stato l'ex ministro della Giustizia Andrea Orlando a denunciare che il comitato ordine e sicurezza aveva deciso di togliere la scorta a Ruotolo

I commenti del M5s sul caso della scorta a Sandro Ruotolo

“Ruotolo merita tutela nella misura in cui i criteri che sono fissati determinano che chi è stato oggetto di minacce da parte di soggetti di cui i sodali sono ancora in piena attività merita tutela. Per cui, giacché gli Zagaria, i quali sono stati in qualche modo coinvolti in un’operazione che ha visto, fra gli altri, l’arresto dell’ex sindaco di Capua, sono tuttora soggetti criminalmente rilevanti, io mi chiedo se sia stata la scelta giusta toglierli la scorta”, aveva detto il senatore Nicola Morra, del M5s, presidente della Commissione Parlamentare Antimafia. 

Ieri Luigi Di Maio aveva definito la decisione "assurda", specificando che "se e è stata fatta una scelta imprudente, Ruotolo merita la scorta perché lui è uno di quei giornalisti di questa terra che si è battuto nella lotta alla criminalità organizzata e alla camorra". Il presidente della Camera Roberto Fico aveva dichiarato domenica a Che tempo che fa: "Lo Stato deve essere vicino ai giornalisti e tutti i cittadini che parlano e scrivono di mafia, denunciano la mafia e i mafiosi". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sandro Ruotolo vive sotto scorta dal 2015, in seguito le minacce di morte provenienti dal clan camorristico dei Casalesi. Il boss Michele Zagaria era stato intercettato durante un colloquio in carcere a Milano nel 2014 durante il quale affermava di voler "squartare vivo" il giornalista. L'anno successivo un maiale squartato era stato ritrovato a a Casapesenna (Caserta), presso un attivista antimafia che il giorno precedente aveva ospitato Ruotolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus ristrutturazione al 110%, dalle seconde case agli infissi: cosa prevede il decreto

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 19 maggio 2020

  • Si allontana la data del "contagio zero": le nuove stime, regione per regione

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 23 maggio 2020

  • Pensioni di giugno, il pagamento arriva in anticipo (ma non per tutti)

  • Ritrovano il figlio rapito 32 anni fa: la gioia incontenibile dei genitori

Torna su
Today è in caricamento