Il giornalista Rai provoca Salvini: "Sei mesi e ti spari". Poi chiarisce: nessun invito al suicidio

L'ad Fabrizio Salini: comportamento gravissimo. Ma il diretto interessato si difende: "Mai usato la Rai per fare propaganda politica, sulla mia pagina personale scrivo quello che mi pare"

Matteo Salvini

"Sei mesi e ti spari". È bufera sul caporedattore di Rai Radio1, Fabio Sanfilippo, che in un post del 4 settembre scorso criticava aspramente l’ex ministro degli Interni Matteo Salvini: "Ti sei impiccato da solo, e questo è evidente - si legge sulla pagina Fb del giornalista -. Io ne sono felice. Vabbè, si era capito. Ora perderai almeno il 20, 25 per cento dei consensi che ti accreditano i sondaggi, lo sai? E che fai? Non hai un lavoro, non sai fare niente, non hai un seggio da parlamentare europeo, hai perso il posto da ministro, certo stai in parlamento. Con la vita che ti eri abituato a fare tempo sei mesi e ti spari nemico mio". Una frase forte che qualcuno ha letto come un invito al suicidio, anche se per la verità ha più il sapore del dileggio e della provocazione. 

"Penso che perderai pure la segreteria della Lega nord o cosa si chiama" argomenta ancora Sanfilippo. Quindi un altro affondo: "Quello che non ti perdonerò è di aver plagiato la mente dei miei due nipoti, con i miei figli non ci sei riuscito, cazzo. Ma li recupero, fidati. Mi dispiace per tua figlia, ma avrà tempo di farsi seguire da persone qualificate". 

fabio Sanfilippo-2

La replica di Matteo Salvini: "Se la prende con una bimba di sei anni"

Salvini ha risposto per le rime: "Questo capo redattore della Rai mi invita al suicidio e se la prende con mia figlia, dicendo che le servirà un percorso di recupero facendola seguire “da persone qualificate" si legge sulla pagina facebook del segretario del Carroccio. "Giornalista del servizio pubblico pagato dagli italiani, ma come si permette? Questi sono i colti, democratici, “intellettuali”: prendersela con una bimba di 6 anni... Non lo odio, mi fa solo pena, gli mando un abbraccio di compassione". 

Il giornalista: "Riscriverei quel post, ma senza citare la figlia di Salvini"

Sanfilippo però non si pente. O meglio: "Quel post lo riscriverei senza citare la figlia di Salvini e chiarendo meglio il riferimento al suicidio del leader della Lega", dice il giornalista che all'Agi precisa meglio il significato delle sue parole. Il suo, spiega, non era "un invito a spararsi, ma la constatazione che si è ‘fatto fuori’ politicamente. Poi, certo, la macchina mediatica della Lega ha fatto in fretta a travisare le mie parole e a usarle a proprio uso e piacimento. È’ inutile che faccia finta di non capire. Resta il fatto che io non ho mai usato i microfoni della Rai per fare propaganda politica e che quella è la mia pagina personale, che non utilizza alcun logo dell’azienda. È un po’ come casa mia e io a casa mia scrivo e dico quello che mi pare".

Renzi: "C'è un limite alla decenza"

La provocazione del giornalista non ha però trovato sponde politiche. Anzi. Le sue parole sono state duramente stigmatizzate anche dai più acerrimi nemici di Salvini. Per Matteo Renzi "c'è un limite di decenza e di rispetto umano che questo giornalista della Rai avrebbe dovuto rispettare", mentre Michele Anzaldi (Pd) scrive che "gli attacchi del caporedattore RadioRai Sanfilippo contro Salvini sono inaccettabili e gravi, come altri episodi contro altri leader". 

La Rai avvia un procedimento disciplinare

Sul caso è intervenuta anche la Rai. L'azienda di Viale Mazzini ha avviato un "procedimento disciplinare urgente nei confronti del caporedattore per le "gravissime le affermazioni fatte dal giornalista sul proprio profilo Facebook. All'inizio della settimana prossima la Rai emanerà una disposizione sull'uso dei social da parte dei propri dipendenti", comunica in una nota. Raggiunto dall’AdnKronos l’ad Fabrizio Salini ha definito "inaccettabile. Ingiustificabile. Gravissimo" il comportamento di Sanfilippo. "La Rai - spiega - non tollera e non tollererà comportamenti e affermazioni che niente hanno a che fare con i principi di equilibrio, rispetto e civiltà". 

Guarda anche

Poliziotti uccisi, Salvini: "Ora manette a tutti i sospettati"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

L'ex ministro: "Lavoreremo in Parlamento perché i delinquenti entrino nelle questure ammanettati". Intanto il killer dei due agenti è stato trasferito in carcere

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni, c'è una buona notizia sull'età di vecchiaia

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 9 novembre 2019

  • Tasse sulla casa, arriva la nuova Imu (e scompare la Tasi): cosa cambia

  • Dal bonus in busta paga ai buoni pasto: cosa cambia nel 2020 per i lavoratori dipendenti

  • Mamma scomparsa, vede il disegno della figlia a Chi l'ha visto e si fa viva con l'avvocato: "Sto bene"

  • Natalia Titova: "La malattia è peggiorata, costretta a lasciare 'Ballando con le stelle'"

Torna su
Today è in caricamento