Cibo, dacci oggi il nostro allarme alimentare quotidiano

Nel 2018 in Italia è scoppiato più di un allarme alimentare al giorno: ogni anno circa una persona su dieci nel mondo (per un totale stimato di 600 milioni) si ammala per aver mangiato cibo contaminato da batteri, virus, parassiti e sostanze chimiche

Allarmi quotidiani. Nel 2018 in Italia è scoppiato più di un allarme alimentare al giorno per un totale di ben 399 notifiche inviate all’Unione Europea durante l’anno. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base delle elaborazioni del sistema di allerta Rapido (Rassf), diffusa in occasione della prima Giornata Mondiale Onu della Salubrità Alimentare, promossa da Fao e Oms a livello mondiale il 7 giugno per ricordare che ogni anno circa una persona su dieci nel mondo (per un totale stimato di 600 milioni) si ammala e 420mila muoiono dopo aver mangiato cibo contaminato da batteri, virus, parassiti e sostanze chimiche.

Allarmi alimentari: aflatossine e parassiti sono un problema

Il tema è attuale non solo nei Paesi in via di sviluppo ma, per effetto della globalizzazione degli scambi e della competizione al ribasso sui prezzi, anche in quelli più ricchi. I maggiori pericoli in Italia durante lo scorso anno sono arrivati – precisa la Coldiretti – da ben 44 casi di presenza negli alimenti di aflatossine cancerogene oltre i limiti che hanno riguardato soprattutto nocciole dalla Turchia e dall’Azerbaijan e le arachidi dall’Egitto ma anche la contaminazione da salmonella (44), rinvenuta tra l’altro nel pollo dalla Polonia, e da 35 casi di contenuto eccessivo di mercurio principalmente nel pesce dalla Spagna. 

Da non sottovalutare anche le 32 segnalazioni per la presenza di parassiti Anisakis nel pesce e le 29 contaminazioni per il batterio escherichia Coli in carne, cozze e formaggi soprattutto importati dall’estero.

Occhio al tonno rosso, ricomincia il periodo "caldo": nuovi casi di intossicazione

Nel nostro Paese sul totale dei 399 allarmi che si sono verificati nel 2018 solo 70 (17%) hanno riguardato prodotti con origine nazionale, 194 provenivano da altri Stati dell’Unione Europea (49%) e 135 da Paesi extracomunitari (34%). In altre parole – precisa la Coldiretti – oltre quattro prodotti su cinque pericolosi per la sicurezza alimentare provengono dall’estero (83%).  Il motivo è spiegato dalla relazione della Corte dei Conti Europea del 15 gennaio scorso sui “pericoli negli alimenti che consumiamo”, in cui si parla di tolleranze all’importazione e si chiede alla Commissione Europea di spiegare “quali misure intende adottare” per mantenere lo stesso livello di garanzia per gli alimenti importati rispetto a quelli prodotti nella Ue.

Infatti il numero di prodotti agroalimentari extracomunitari con residui chimici irregolari è stato pari al 4,7% rispetto alla media Ue dell’1,2% e ad appena lo 0,4% dell’Italia secondo le elaborazioni Coldiretti sulle analisi relative alla presenza di pesticidi rilevati sugli alimenti venduti in Europa effettuata dall’Efsa. In altre parole – precisa la Coldiretti – i prodotti extracomunitari sono 4 volte più pericolosi di quelli comunitari e 12 volte di quelli Made in Italy.

Sicurezza alimentare: difficoltà nel rintracciare rapidamente i prodotti a rischio

In caso di allarme alimentare le maggiori preoccupazioni derivano dalla difficoltà di rintracciare rapidamente i prodotti a rischio per toglierli dal commercio generando un calo di fiducia che provoca il taglio generalizzato dei consumi e che spesso ha messo in difficoltà ingiustamente interi comparti economici, con la perdita di posti di lavoro. “L’esperienza di questi anni dimostra l’importanza di una informazione corretta con l’obbligo di indicare in etichetta l’origine nazionale dei prodotti che va esteso a tutti gli alimenti” conclude il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel sottolineare l’importanza della trasparenza dell’informazione ai consumatori evidenziata dalla stessa Fao.

Il falso cibo Made in Italy nel mondo vale 100 miliardi (e ci ruba 300mila posti di lavoro)

La classifica dei cibi stranieri più pericolosi

1. Pesce dalla Spagna per mercurio (24 notifiche) e infestazione di Anisakis (14)
2. Ostriche vive dalla Francia per Norovirus (23)                          
3. Pollo dalla Polonia per Salmonella enterica (8)
4. Pesce dalla Francia per Anisakis (8)
5. Nocciole dalla Turchia per aflatossine (7)
6. Cozze dalla Spagna per Escherichia Coli (7)
7. Arachidi dall’Egitto per aflatossine (6)
8. Manzo refrigerato dal Brasile per Escherichia Coli-Shigatoxin (6)
9. Nocciole da Azerbaijan per aflatossine (6)
10. Pollo dal Brasile per Escherichia Coli-Shigatoxin (6)
 

Fonte: Elaborazioni Coldiretti su allarmi alimentari in Italia nel 2018 (RASSF)

Gli operatori del settore alimentare (OSA) hanno l’obbligo di informare i propri clienti sulla non conformità riscontrata negli alimenti da essi posti in commercio e a ritirare il prodotto dal mercato. In aggiunta al ritiro, qualora il prodotto fosse già stato venduto al consumatore, l’OSA deve inoltre provvedere al richiamo cioè deve informare i consumatori sui prodotti a rischio, anche mediante cartellonistica da apporre nei punti vendita, e a pubblicare il richiamo nella specifica area del portale del Ministero della Salute.

spesa supermercato ansa-2

Potrebbe interessarti

  • Fa davvero male dimenticarsi di cambiare le lenzuola?

  • Tonno, come riconoscere quello di qualità (e quanto mangiarne)

  • Formiche, i metodi naturali per allontanarle da casa

  • Sos pancia gonfia: le cause e i rimedi naturali più efficaci per combatterla

I più letti della settimana

  • Bollo auto, così cambia la tassa

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di sabato 15 giugno 2019

  • Oroscopo Paolo Fox, la classifica della settimana dal 17 al 23 giugno 2019

  • Reddito di cittadinanza, l'ultima truffa: "Vivo da solo", scoperto e denunciato

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di giovedì 13 giugno 2019

  • Bollo auto, con la pace fiscale c’è il condono (e vale per 10 anni)

Torna su
Today è in caricamento