"Sognando Itaca", in barca a vela contro la leucemia: viaggio nel mare della solidarietà

Ha preso il via (di nuovo) il progetto di vela terapia mirato alla riabilitazione psicologica e al miglioramento della qualità di vita dei pazienti ematologici: una splendida iniziativa

Una splendida iniziativa. A Napoli ha preso il via la 13esima edizione di "...Sognando Itaca", progetto di vela terapia mirato alla riabilitazione psicologica e al miglioramento della qualità di vita dei pazienti ematologici. L'iniziativa è promossa dall'Ail in occasione della Giornata nazionale per la lotta contro Leucemie, Linfomi e Mieloma, con il contributo non condizionato di Takeda Italia. Per la tappa della cità partenopea si è avvalsa, per il quarto anno consecutivo, della collaborazione di UnoUnoCinque Sailing Team che ha messo a disposizione le proprie imbarcazioni e il proprio equipaggio per la veleggiata dei pazienti nel Golfo. L'appuntamento è stato patrocinato dalla Marina militare, dal Coni, dalla Regione Campania e dal Comune di Napoli.

La barca di "...Sognando Itaca" è partita il 3 giugno da Napoli, per un tour in sette tappe che abbraccia il Mar Tirreno, con l'arrivo previsto a Palermo il 18 giugno. L'iniziativa offre la possibilità ai pazienti di navigare nel Golfo accompagnati da psicologi e infermieri sulle barche di UnoUnoCinque Sailing Team e della Marina Militare che ha anche messo a disposizione dei pazienti le sue imbarcazioni. L'iniziativa ha, inoltre, potuto contare sul supporto dei Vigili del fuoco - Distretto Sommozzatori Napoli. L'obiettivo del progetto Ail è diffondere la vela terapia quale metodo terapeutico volto al miglioramento della qualità della vita dei pazienti ematologici. 

L'iniziativa potrà contare, ancora una volta, sul sostegno di una testimonial d'eccezione, la velista e campionessa olimpionica di Windsurf Alessandra Sensini, direttrice tecnica giovanile della Fiv - Federazione Italiana Vela e vice presidente del Coni.

Progetto Itaca: l'importanza di un'esperienza lontana dai luoghi di cura

Il "Progetto Itaca" nasce nel 2007 a Brescia, sui laghi, dall’idea di un giovane paziente amante della vela. Dal 2009 è diventato una delle iniziative centrali della Giornata Nazionale contro le Leucemie, i Linfomi e Mieloma. La barca a vela dell’AIL quest’anno naviga nel mar Tirreno ed in ogni porto di attracco si svolge l’Itaca Day, una giornata durante la quale pazienti e medici delle ematologie locali potranno imbarcarsi e veleggiare insieme.

Obiettivo: diffondere la vela terapia come mezzo concreto e accessibile per il miglioramento della qualità della vita di chi affaronta la dura battaglia contro le malattie ematologiche. L’emozione più profonda è data dall’equipaggio formato da pazienti, medici, infermieri, psicologi e skipper professionisti, che vivono insieme una esperienza unica, lontani dai luoghi di cura e in un contesto in cui anche i ruoli vengono invertiti. Altri obiettivi:  diffondere la vela terapia in tutti i centri ematologici italiani collocati in prossimità di un mare o di un lago e trasmettere la missione dell’AIL nelle città in cui la manifestazione si svolge e in tutta Italia.

Esattamente come Ulisse, i pazienti si trovano ad affrontare un mare aperto, sconosciuto e pieno di insidie. Durante il viaggio scoprono nuovi territori, nuove amicizie e, conseguentemente, anche un modo diverso per affrontare e superare gli ostacoli.

sognando-itaca-body-2018-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il concorso “per tutti” (o quasi): 616 posti a tempo indeterminato, basta la licenza media

  • Gianni Morandi racconta il dolore per la perdita della figlia

  • Temptation Island Vip 2019: puntate, coppie e tutte le anticipazioni

  • Sciopero dei benzinai: per due giorni "senza" stazioni di servizio

  • Ora solare 2019: conto alla rovescia per il cambio dell'ora (e presto ci saranno novità)

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di giovedì 10 ottobre 2019: i numeri vincenti

Torna su
Today è in caricamento