Mangiare almeno 6 volte al giorno riduce il rischio di attacchi cardiaci: ecco perché

Secondo un recente studio, distribuire le calorie in più pasti mantiene alto il metabolismo, riducendo il rischio di obesità e malattie cardiovascolari

Mangiare poco e spesso: lo sentiamo dire molte volte, soprattutto quando si vuole consigliare di mantenere sempre attivo il metabolismo.

Tuttavia pare che mangiare più volte al giorno riduca anche il rischio di malattie cardiache: è quanto affermano i membri della John Hopkins University e della Baltimore University. Questi scienziati, infatti, hanno messo in atto uno studio pubblicato sugli Annals of Epidemiology, in cui hanno dimostrato che mangiare 6 volte al giorno diminuisce il rischio di morire di aterosclerosi.


La ricerca ha visto gli studiosi seguire 7000 adulti per un periodo di oltre 14 anni: si è così notato che coloro che mangiavano almeno sei volte al giorno rischiavano il 32% in meno di morire di malattie cardiovascolari. Questo avverrebbe perché, attivando il metabolismo e mantenendo costante il livello di sazietà, si evitano abbuffate, si bruciano più calorie e quindi si rischia di meno il sovrappeso. Ovviamente, i sei pasti raccomandati sono ricchi di frutta e verdura e poveri di junk food.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A 12 anni va in ospedale per il mal di pancia: scoprono che è incinta di sette mesi

  • Prende il reddito di cittadinanza, ma si "dimentica" di avere 78 auto intestate

  • Enzo Iacchetti sul rapporto con Ezio Greggio: "Tra noi un tacito accordo di buona convivenza"

  • Aumenti in busta paga da luglio 2020: chi può sorridere per il bonus "pieno" di 100 euro

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Roberta Girotto, mamma scomparsa: ritrovato il suo corpo nel fiume

Torna su
Today è in caricamento