La Percoca nel vino: sapore e tradizione dell'estate partenopea

Pesche dalla polpa gialla molto compatta tagliate a fette e immerse nel vino

La "percoca" è il termine con cui in Campania e anche in qualche altra regione del sud Italia viene chiamata comunemente la pesca gialla.  si intendono alcune varietà di pesca a polpa gialla, compatta e non spicca, cioè aderente al seme, che sono coltivate in diverse regioni italiane.

Si tratta di pesche a polpa gialla, molto compatta e non spicca, ben adesa al seme.

In Campania, le varietà col pizzo (coltivata originariamente soprattutto nella zona Flegrea) , la puteolana (anche detta "del Vesuvio"), la terzarola (cioè della terza epoca, perché matura a fine estate) e la giallona di Siano, sono anche riconosciute come prodotto agroalimentare tradizionale.

E' tradizione estiva, inoltre, mangiare le percoche tagliate a grosse fette ed immerse nel vino (possibilmente in brocche di ceramica). Normalmente, per prima cosa si beve il vino, che acquisisce uno squisito gusto fresco e fruttato, poi si consumano le percoche intrise di vino.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gianni Morandi racconta il dolore per la perdita della figlia

  • In arrivo una lettera dell'agenzia delle entrate per 700mila italiani

  • Temptation Island Vip 2019: puntate, coppie e tutte le anticipazioni

  • Salvini-Renzi, "polveri bagnate" e poche sorprese nel confronto tv: chi ha vinto

  • Sciopero dei benzinai: per due giorni "senza" stazioni di servizio

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di giovedì 17 ottobre 2019: i numeri vincenti

Torna su
Today è in caricamento