Tutti i trucchi per proteggere i capelli da pioggia e umidità

Con l’arrivo della stagione fredda, tra pioggia e umidità, l’effetto crespo sui capelli è sempre in agguato. Ecco allora i segreti fondamentali, facili e veloci, per proteggere i capelli nelle giornate più uggiose

Pioggia, umidità, vento e sbalzi di temperatura: è arrivato l’autunno, e con lui anche lo spinoso problema dell’effetto crespo. Un problema che affligge tantissime donne, i cui capelli diventano crespi, stopposi e spenti alle prime avvisaglie di pioggia.

Se vogliamo proteggere i capelli dall’umidità dobbiamo innanzitutto cercare di capire quali sono i motivi per cui i nostri capelli si increspano e si gonfiano in maniera così antiestetica. Il cambio di stagione, che comporta un’alterazione del metabolismo e dei livelli ormonali, è sicuramente uno dei principali responsabili, seguito dagli strascichi estivi di sole e salsedine, che rendono i capelli più fragili e spenti, e dai fattori climatici tipici della stagione fredda, come sbalzi di temperatura, vento, pioggia e umidità.

Inoltre, è importante ricordare che più il capello è poroso, più è sensibile all’azione degli agenti atmosferici che aprono ulteriormente le cuticole, rendendo i capelli crespi, gonfi e opachi. La porosità dei capelli dipende dalla loro natura: ad esempio, i capelli ricci e mossi tendono a essere più porosi degli altri, ma il fenomeno può subentrare in seguito a colorazioni, esposizione solare e avanzare dell’età. È importante, dunque, prendersi cura dei propri capelli attraverso una serie di cure stagionali ricostituenti o di lozioni e fiale specifiche per restituire un po’ di forza al bulbo; ricorda che un capello poroso assorbe molto meno di altri i principi attivi di balsami e maschere: per questo, ha bisogno di essere nutrito con costanza.

I trucchi per evitare l'effetto crespo

Qualunque sia il tuo tipo di capelli, è molto probabile che in presenza di pioggia e umidità tendano inesorabilmente ad arricciarsi e a diventare crespi. Ecco allora 5 consigli fondamentali per salvare i capelli dalle giornate uggiose e avere una messa in piega sempre perfetta!

  1. Prima di usare il phon, lascia che i capelli si asciughino parzialmente all'aria in modo lento e naturale: questo passaggio ti aiuterà a evitare l’effetto crespo. Inoltre, è sempre meglio usare un phon professionale a ioni, che agevola la piega grazie appunto al rilascio di ioni, delle molecole che evitano l'effetto "elettrico" sui capelli e disciplinano le lunghezze
  2. Mentre asciughi i capelli, per stirali usa una spazzola a denti stretti per avere maggiore controllo, e con setole morbide, meglio se di cinghiale, che contribuiscono a chiudere e lisciare a fondo le cuticole. 
  3. Per evitare l'effetto crespo, è importantissimo asciugare completamente i capelli prima di esporli all’umidità. Per non correre rischi, a fine asciugatura dirigi un getto di aria fredda su ogni sezione di capelli che hai già stirato, così da chiudere le cuticole sigillando l’umidità all’interno del capello.
  4. Tieni sempre a portata di mano qualche accessorio salva-chioma: elastici, mollette e forcine possono essere molto utili se sei fuori casa e noti che i tuoi capelli iniziano a diventare crespi e a gonfiarsi. Al momento giusto potrai recuperarli in men che non si dica, improvvisando una treccia, una coda o un messy bun.
  5. Se, nonostante i mille sforzi, si prospetta una giornata davvero no per i tuoi capelli, vai di cappellino! Per risolvere una bad hair day infatti, basterà sfoggiare un berretto trendy e colorato: risolleva l'outfit e anche l'umore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni, c'è una buona notizia sull'età di vecchiaia

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 9 novembre 2019

  • Nuovo maxi concorso: oltre 300 posti a tempo indeterminato, si cercano laureati e diplomati

  • Tasse sulla casa, arriva la nuova Imu (e scompare la Tasi): cosa cambia

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 12 novembre 2019

  • Dal bonus in busta paga ai buoni pasto: cosa cambia nel 2020 per i lavoratori dipendenti

Torna su
Today è in caricamento