Asso di denari

Asso di denari

Affitti in crescita per il quarto anno di fila, oltre 1000 euro al mese a Milano

Foto di repertorio

I canoni di locazione sono in aumento per il quarto anno consecutivo, secondo quanto emerge dal Rapporto sulle locazioni 2018 di Solo Affitti, rete immobiliare specializzata nella locazione con circa 300 agenzie, elaborato con il supporto scientifico di Nomisma, e dall’Ufficio Studi di Tecnocasa

Nel 2018 i canoni sono aumentati del 3,1% rispetto al 2017 (in media 604 euro al mese, contro 586), anche se l’aumento resta inferiore a quello registrato l’anno scorso (+4,1%). I canoni medi mensili restano inferiori del 5,8% rispetto ai valori del 2009 (641 euro), rileva Solo Affitti, ma lontani dal minimo di 545 euro toccati nel 2014 (quando erano inferiori del 15% rispetto al 2009).

Gli affitti sono cresciuti soprattutto a Bologna e Milano: +10,9% e +10,2% rispettivamente. Nel dettaglio, per il primo semestre del 2018, Tecnocasa rileva che i canoni di locazione delle grandi città  sono in aumento dell’1,1% per i monolocali, dell’1,4% per i bilocali e dell’1,2% per i trilocali e che Bologna ha fatto registrare rispettivamente +5,2%, +2,6% e +4,1%, mentre Milano +2,7%, +2,5% e +2,6%. Dopo Bologna e Milano, Solo Affitti rileva incrementi anche nelle altre grandi città più interessate dal flusso di lavoratori in trasferta e studenti: Roma +7,7%, Venezia +6,1%, Firenze +5,1%, Torino +4%. Canoni medi in aumento anche a Potenza (+8,2%), Ancona (+4,8%), Campobasso (+4,3%), Palermo (+4,1%), Catanzaro (+4%), Trento (+3,2%) e Aosta (+2,8%). 

Rispetto all’anno scorso gli affitti sono meno cari a Genova (-8,4%) Bari (-6,9%), e Cagliari (-3,8%). Nel 2018 i prezzi dell’affitto sono diminuiti anche a Trieste (-5,4%), mentre sono in linea con i valori dell’anno scorso Napoli (-0,3%) e Perugia. 
Sono in aumento soprattutto i canoni dei monolocali (+4,8%) e dei bilocali (+4,6%), mentre, a detta di Solo Affitti, è meno accentuata la crescita dei canoni dei trilocali (+3,2%) e ancor più limitati sono quelli degli appartamenti quadrilocali (+1,1%), richiesti maggiormente nelle zone periferiche della città. Tecnocasa evidenzia che le tipologie più affittate sono bilocali (36,7%) e trilocali (33,1%).

A Milano una casa arredata viene affittata in media a 1.161 euro al mese, cioè ad un prezzo superiore di oltre il 25% rispetto a Roma (925 euro) e di quasi il 58% rispetto a Firenze (736 euro). Il Rapporto sulle locazioni di Solo Affitti evidenzia che la presenza dei mobili nelle case in affitto contribuisce ad incrementare mediamente del 12,7% il valore del canone mensile (604 euro la media nazionale) rispetto agli immobili vuoti (536 euro) e che i prezzi di locazione per gli immobili arredati (+3,1%) sono cresciuti il doppio rispetto alle soluzioni non ammobiliate (+1,5%).

Il capoluogo più a buon mercato resta anche quest’anno Catanzaro (379 euro), seguito da Perugia (417 euro) e Potenza (426 euro). I canoni di locazione restano accessibili a Napoli (651 euro) e Cagliari (606 euro) mentre si fanno più elevati a Venezia (726 euro), Bologna (722 euro) e Trento (701 euro).

Asso di denari

" Un po' come la legge di gravità e le leggi della fisica in generale, l'economia ci appare spesso come un limite, una gabbia, tanto che qualcuno l'ha anche definita ""la scienza triste"". Ma per l'economia, come per la fisica, il manto di grigiore che l'avvolge davanti agli occhi dell'ordinary man, l'uomo qualunque, può essere squarciato e regalare l'immensa sorpresa di un universo tutto da scoprire, dove non esistono solo vincoli ma anche opportunità. Così come, pur senza essere un angelo e senza avere ali, scoprendo le leggi della fisica l'uomo ha sfruttato l'opportunità di riuscire a volare, così - ed è quello che ci prefiggiamo con questo blog - affrontando l'economia senza timori, ciascuno può provare a divenire un asso. Non un asso dell'aviazione ma un asso di denari "

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
Today è in caricamento