Asso di denari

Asso di denari

Un anno ottimo per i ponti: 33 giorni di riposo usando solo 10 giorni di ferie

Il 2018 si prospetta come un anno proficuo per godersi periodi di riposo agganciandoli alle festività in cui non si lavora.

Si potranno fare 33 giorni di vacanza usando solo 10 giorni di ferie al netto dell’eventuale vacanza già goduta unendo lunedì 1 gennaio all'Epifania di sabato 6 gennaio.

Tre giorni di ferie consentiranno un ponte dal 25 aprile all’1 maggio perché le 2 festività cadono rispettivamente mercoledì e martedì e dunque i giorni lavorativi in cui mettersi in ferie per godersi un’intera settimana di riposo sono solo giovedì 26, venerdì 27 e lunedì 30.

A Ferragosto si potrà programmare un ponte lungo 5 giorni perché la festa dell'Assunta cade di mercoledì e questo fa sì che bastino solo 2 giorni di ferie (giovedì 16 e venerdì 17) per rilassarsi fino a lunedì 20 agosto. Se poi si utilizzano 4 giorni di ferie (aggiungendo lunedì 13 e martedì 14), salta fuori una pausa lavorativa di una settimana o più.

Il 'ponte dei morti’ consentirà di godersi 4 giorni di riposo: quest’anno infatti la festività di Ognissanti, il primo novembre, cade di giovedì e dunque con un giorno solo di ferie (il 2 novembre) si potrà allungare il weekend a 4 giorni.

Tra Natale e Capodanno si potrà fare una vacanza da 10 giorni con solo 4 giorni di ferie attaccando al weekend che inizia sabato 22 dicembre un giorno di ferie il lunedì 24, alla duplice ricorrenza festiva di Natale e Santo Stefano) a metà settimana. E con altri 3 giorni di ferie (giovedì 27, venerdì 28 e lunedì 31) eccoci giunti a martedì 1° gennaio 2019.

Un weekend lungo attende, romani, milanesi e napoletani: i primi 2 potranno godersi il fatto che il 29 giugno e il 7 dicembre cadono entrambi di venerdì, i napoletani potranno approfittare del fatto che il 19 settembre che cade di mercoledì e così, con soli 2 giorni di ferie (giovedì 20 e venerdì 21) , potranno farsene 5 di vacanza.

Asso di denari

" Un po' come la legge di gravità e le leggi della fisica in generale, l'economia ci appare spesso come un limite, una gabbia, tanto che qualcuno l'ha anche definita ""la scienza triste"". Ma per l'economia, come per la fisica, il manto di grigiore che l'avvolge davanti agli occhi dell'ordinary man, l'uomo qualunque, può essere squarciato e regalare l'immensa sorpresa di un universo tutto da scoprire, dove non esistono solo vincoli ma anche opportunità. Così come, pur senza essere un angelo e senza avere ali, scoprendo le leggi della fisica l'uomo ha sfruttato l'opportunità di riuscire a volare, così - ed è quello che ci prefiggiamo con questo blog - affrontando l'economia senza timori, ciascuno può provare a divenire un asso. Non un asso dell'aviazione ma un asso di denari "

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
Today è in caricamento