Asso di denari

Asso di denari

Disciplina e vantaggi del contratto di locazione transitoria per studenti

Per gli studenti esiste un apposito contratto di locazione ad uso transitorio per gli studenti previsto dalla legge n. 431 del 1998, che consente di stipulare contratti di affitto della durata inferiore a quella minima dei 3 anni prevista dai contratti a canone concordato. La locazione transitoria per studenti è ammessa nei Comuni universitari e in quelli limitrofi indicati dall’articolo 5 della legge stessa. Naturalmente lo studente deve risultare residente in altra città rispetto a quale dove affitta l’immobile, altrimenti l’unico contratto d’affitto possibile è quello ordinario. Il contratto può essere siglato da studenti, enti per il diritto allo studio, da un piccolo gruppo di coinquilini o dai genitori che si accollano, di fatto, gli oneri degli inquilini.

Il contratto ha durata minima di 6 mesi e massima di 3 anni, una volta scaduto il termine non è necessaria alcuna comunicazione ufficiale né da parte del proprietario ne da parte dell’inquilino. Il contratto può essere rinnovato alle stesse condizioni o ne può essere redatto uno nuovo che soddisfi ambo le parti. Il modello del contratto di locazione ad uso transitorio per gli studenti è disponibile nel Decreto Ministeriale del 30 dicembre 2002 insieme all’Accordo locale stipulato con le associazioni che rappresentano proprietari e inquilini valido nel Comune ove si trova l’immobile. Lo si può ritirare presso le Università e i Comuni ove è applicabile.

Chi affitta a canone concordato a studenti fuori sede può godere della detrazione Irpef del 40,5% sull’ammontare del canone annuo. Per gli affitti agli studenti è possibile scegliere la tassazione a cedolare secca al 10% per sostituire la tassazione Irpef, con annessa possibilità di non pagare imposta di registro e di bollo. Per gli studenti sono previste delle detrazioni pari al 19% sull’affitto pagato entro un limite di 2.633 euro, da indicare nel modello 730 e possibile solo se l’immobile si trovi, minimo, a 100 chilometri dal comune di residenza.

Asso di denari

" Un po' come la legge di gravità e le leggi della fisica in generale, l'economia ci appare spesso come un limite, una gabbia, tanto che qualcuno l'ha anche definita ""la scienza triste"". Ma per l'economia, come per la fisica, il manto di grigiore che l'avvolge davanti agli occhi dell'ordinary man, l'uomo qualunque, può essere squarciato e regalare l'immensa sorpresa di un universo tutto da scoprire, dove non esistono solo vincoli ma anche opportunità. Così come, pur senza essere un angelo e senza avere ali, scoprendo le leggi della fisica l'uomo ha sfruttato l'opportunità di riuscire a volare, così - ed è quello che ci prefiggiamo con questo blog - affrontando l'economia senza timori, ciascuno può provare a divenire un asso. Non un asso dell'aviazione ma un asso di denari "

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
Today è in caricamento