Asso di denari

Asso di denari

Calabria primatista per evasione fiscale in Italia, Bolzano ultima

Foto di repertorio

Arriva la manovra di bilancio e come ogni anno si prospettano nuovi esborsi per gli italiani, a partire dal possibile rincaro dell’Iva dal 2019. Ma l’Ufficio studi della Cgia di Mestre lancia l’allarme: maggiori sono le pretese fiscali dello Stato, maggiore è la tentazione di evadere.

Dal 1997 al 2017) il peso delle tasse è aumentato di 198 miliardi e mentre l’inflazione è cresciuta di quasi il 43&, il perso del fisco in capo ai 41 milioni di contribuenti italiani è aumentato di oltre 65 punti, cioè il 22,5% in più del costo della vita.

L’evasione fiscale ha toccato il 16,3%, ma in Calabria il 24,7%, in Campania il 23,4% e in Sicilia il 22,3%. Il minor tasso di evasione fiscale si è registrato nella Provincia autonoma di Bolzano (12,4%) e, a seguire, in Lombardia (12,7%), e nella Provincia autonoma di Trento (13,5%) I dati sono riferiti al 2015, ultimo anno per il quale si hanno informazioni completa.

Sono stati evasi in totale di 114,373 miliardi di euro (nel 2015), 3,422 dei quali in Calabria e 1,144 nella Provincia autonoma di Bolzano. I proventi dell’economia sommersa (legali ma non dichiarati al fisco) e quelli dell’economia illegale hanno prodotto complessivamente 207,5 miliardi di ricchezza. 

A livello di macroaree il Sud è il maggior evasore sia in cifra assoluta (35,716 miliardi) che in percentuale sul totale (22,2%), davanti al Centro (25,039 miliardi, 16,05%), al Nord Est (22,839, 14,1%). Il Nord-Ovest è l’area più onesta, in rapporto al contributo percentuale sull’evasione totale (13,4%) mentre la maggior ricchezza prodotta in quell’area fa sì che in termini assoluti si collochi subito alle spalle del Sud quanto ad ammontare non percepito dal fisco (30,778 miliardi).

La burocrazia fiscale costa circa 3 miliardi l’anno agli imprenditori per l’adempimento degli obblighi, dichiarativi, la certificazione dei corrispettivi, la tenuta dei registri e via dicendo.

Asso di denari

" Un po' come la legge di gravità e le leggi della fisica in generale, l'economia ci appare spesso come un limite, una gabbia, tanto che qualcuno l'ha anche definita ""la scienza triste"". Ma per l'economia, come per la fisica, il manto di grigiore che l'avvolge davanti agli occhi dell'ordinary man, l'uomo qualunque, può essere squarciato e regalare l'immensa sorpresa di un universo tutto da scoprire, dove non esistono solo vincoli ma anche opportunità. Così come, pur senza essere un angelo e senza avere ali, scoprendo le leggi della fisica l'uomo ha sfruttato l'opportunità di riuscire a volare, così - ed è quello che ci prefiggiamo con questo blog - affrontando l'economia senza timori, ciascuno può provare a divenire un asso. Non un asso dell'aviazione ma un asso di denari "

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
Today è in caricamento