Curarsi mangiando

Curarsi mangiando

Tiroidite di Hashimoto, chi ne soffre spesso è depresso: dipende dal deficit di seratonina

La Tiroidite di Hashimoto è una patologia autoimmune di cui ho già parlato in diversi articoli che troverete nella sezione Nutri Blog del mio sito. Oltre a danneggiare il tessuto tiroideo e, dunque, la funzione della stessa ghiandola, questa patologia è caratterizzata anche da un deficit di serotonina, a causa del cattivo funzionamento degli enzimi DNAse1 e proteasi. Leggiamo l’articolo per saperne di più.

Segni e sintomi del deficit di serotonina

La serotonina, definita anche “ormone della felicità”, è un neurotrasmettitore importante non solo per regolare l’umore, ma è implicato anche in altre funzioni fisiologiche. Infatti, una sua carenza si manifesta in svariati modi; uno dei primi segnali di carenza di serotonina è il desiderio di mangiare cibi ricchi carboidrati, i quali sono in grado di aumentare i livelli del neurotrasmettitore, infatti, i soggetti depressi sono quelli che vanno alla ricerca di alimenti zuccherini in qualsiasi momento della giornata, ma poco dopo averli mangiati i livelli di serotonina si riducono e causano sentimenti di sonnolenza, ansia e depressione.

Il soggetto depresso spesso soffre di insonnia, non riesce ad addormentarsi e non mantiene il sonno, poiché se i livelli di serotonina sono bassi, lo saranno anche quelli di melatonina, poiché di questa è il precursore. Altri segni del soggetto carente di serotonina sono visibili sia a livello emotivo, quali l’ansia, gli attacchi di panico, i disturbi ossessivi compulsivi, fatica e spossatezza, ma anche a livello fisico, poiché si possono manifestare anche problemi digestivi, essendo questo trasmettitore prodotto dalle cellule intestinali in quantità pari al 95%, e carenza di libido che rende il soggetto incapace di stabilire connessioni emotive con altre persone.

Tutti questi sintomi possono manifestarsi, dunque, nei soggetti che soffrono di Tiroidite di Hashimoto, perché?

Deficit di serotonina e Tiroidite di Hashimoto

Il tutto viene spiegato con una delle cause che conduce alla tiroidite autoimmune, ovvero il deficit di proteasi e DNAse1; la carenza di questi enzimi comporta la degradazione rapida e l’impoverimento dell’amminoacido triptofano, che è il precursore della serotonina, attraverso un pathway dell’organismo, definito “via della chinurenina”.

Gli enzimi coinvolti nella formazione di chinurenina e che deviano il metabolismo del triptofano sono due: la triptofano 2,3-diossigenasi (TDO), attivata dagli ormoni dello stress, e l’indolammina 2,3-diossigenasi (IDO), attivata da citochine pro-infiammatorie. L’aumentata espressione dei geni che producono citochine pro-infiammatorie (interferone-gamma e fattore di necrosi tumorale alfa, coinvolti nella patogenesi della malattia autoimmune) potrebbe determinare una predisposizione genetica a sviluppare la depressione mediante una up-regulation della via della IDO, mentre gli stressor ambientali attivano la via ormonale della TDO.

Dunque, la via della chinurenina non soltanto provoca deficit di serotonina, ma causa anche effetti a livello del sistema nervoso centrale, poiché sembra essere implicata nello sviluppo di ansia, sintomi psichici e deterioramento cognitivo associati alla depressione.

Si potrebbe quindi ipotizzare che la via della triptofano-chinurenina rappresenti uno dei principali punti di incontro dell’interazione tra fattori genetici e ambientali coinvolti nella fisiopatologia della depressione e anche un nuovo target per strategie terapeutiche innovative.

Conclusioni

Il trattamento delle patologie autoimmuni è in continua evoluzione, sempre nuovi studi ci dimostrano come l’alimentazione possa supportare il trattamento di queste ed evitare che le stesse si verifichino, perciò sono diventate mio oggetto di studio. Per evitare che la depressione possa prendere il sopravvento e che si verifichi il deficit di serotonina, bisognerà trattare il problema all’origine, ripristinando l’omeostasi corporea a partire dal debellare l’infiammazione che colpisce non solo la tiroide ma tutti i tessuti dei soggetti che soffrono di patologie autoimmuni. 

Curarsi mangiando

Il Dott. Francesco Garritano, laureato dapprima in Chimica e tecnologia farmaceutica, poi in Scienze della nutrizione è un biologo nutrizionista che, premiato dalla passione per il suo lavoro, esercita la sua professione in tutte le province calabresi, a Roma, a Milano, a Vicenza ed a Taranto. Ormai da tanti anni è entrato nel network dei medici di segnale, uniti dall’acronimo GIFT, il quale indica i principi sui quali si basa una sana alimentazione preventiva e curativa: Gradualità, Individualità, Flessibilità, Tono muscolare. Nel mese di maggio ha presentato il suo primo libro, frutto dell’esperienza di questi anni di lavoro, “Il dimagrimento parte dalla testa”, uno scritto che sottolinea quanto sia importante l'aspetto psicologico nel momento in cui si decide di iniziare un percorso con il biologo nutrizionista, definendo la costanza, la determinazione e la motivazione punti cardini dello stesso percorso. Inoltre, svolge la professione di docente e relatore in vari convegni in tutta la Calabria e su tutto il territorio nazionale, poichè responsabile scientifico della NutriForm, società di formazione ed eventi

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
Today è in caricamento