Famiglia creativa

Famiglia creativa

Egemonia Virale

In questi giorni si è celebrato il congresso nazionale della Cgil, in cui Susanna Camusso ha lasciato il posto a Maurizio Landini come segretario generale del più grande sindacato d’Europa, con oltre cinque milioni e cinquecentomila iscritti. In tempi di società liquida e tirannide social è un numero impressionante, specie se messo a paragone coi partiti politici (in crisi conclamata o direttamente virtuali): il dieci per cento degli italiani.

Già questo numero, che sommato a quello degli altri sindacati confederali Cisl e Uil porta gli italiani che pagano ogni mese la trattenuta sindacale a ben oltre i dieci milioni, dovrebbe bastare a rasserenare politica, governo e istituzioni. Se poi ci si aggiunge che questi iscritti partecipano fisicamente (discutono, votano, eleggono) a una struttura che, prima di ogni congresso nazionale, è impegnata in assemblee di base, territoriali e di categoria, si ha la misura di una vera e propria rivincita dei corpi sulle entità invertebrate che, da dietro le tastierine luminescenti, dettano l’agenda social mediatica alla politica e al governo. Una bizzarria incomprensibile, questa corporeità democratica sindacale, che da più parti si tenta di blandire. Transitare i corpi nella contemporaneità digitale non è impresa semplice e può persino accadere che strutture con centinaia di migliaia di iscritti e decine di anni di storia vengano messe in crisi da un pugno di troll, bot o nerds al soldo di avversari politici o di qualche bislacco dittatore in vena di campagne acquisti sui social d’Occidente.

Così, nonostante la forza dei numeri, i corpi e le idee del Sindacato spesso faticano a trovare la strada della visibilità social mediatica. A inizio dicembre cartonato toninellicurato la comunicazione per il congresso dei lavoratori delle costruzioni Fillea Cgil, a cui era stato invitato il ministro Toninelli. Per più di un mese la sua partecipazione è rimasta in forse, mentre il governo continuava a sbandare sulle grandi opere un giorno si e l’altro pure. Subodorando l’aria Alessandro Genovesi, il segretario generale, è stato colto da illuminazione: se non viene mettiamo un cartonato. Con allegra audacia e il proverbiale pizzico di fortuna quell’immagine avrebbe potuto fare il botto. Ed è andata a finire davvero così: è uscita su tutte le testate, fino a diventare la gag del giorno al “ruggito del coniglio”. Per riuscire nello strike però c’era da fronteggiare un primo problema tecnico: l’iniziativa era programmata per le 18, un brutto orario per far partire il tam tam social. Era l’ultimo appuntamento della giornata, al congresso, sicché i delegati dopo le risate e le foto di rito avrebbero ascoltato un po’ di dibattito prima di sciamare rapidi verso i ristoranti, stanchi e senza troppa voglia di condividere video e immagini. Bisognava creare l’effetto sorpresa, da lì l’occultamento chirurgico a tutti i congressisti sino allo scoccare dell’evento, quando il Tony-cartonato è stato “svestito” dalle bandiere della Fillea sotto cui era celato. Risate, applausi, flash e in poco più di un’ora la notizia è uscita su Today, dove in due giorni ha totalizzato 11700 condivisioni su Facebook e 25000 letture. Il giorno dopo è stata ripresa dal Giornale e da Blitz  Quotidiano per poi diventare virale del tutto: Repubblica, Giornalettismo, Il Fatto, il Corriere, tutti. L’esondazione era riuscita e, grazie alla gag, sui media si parlava del congresso dei lavoratori dell’edilizia, del legno, del marmo, delle cave. Non è poco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le gag però non bastano, sono un’efficace manovra diversiva ma occorre andare all’osso della questione. Con il dieci per cento degli italiani iscritti, il mercato del lavoro sempre più in pezzi e il sindacato sempre sotto attacco, forse per una volta si può provare a citar Gramsci non a sproposito. Ricominciare a fare egemonia culturale, oggi, significa anzitutto stare dentro i processi della contemporaneità con padronanza e sicurezza, comunicare con efficacia con gli strumenti digitali e, soprattutto, rendersi autonomi sul serio: con, dentro e attraverso i social. Saranno gli altri, poi, che dovranno venire dalla Cgil. Col cappello in mano.

Famiglia creativa

Pregiatissimi servigi di comunicazione

Video del giorno
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
Today è in caricamento