Nel nome del Padre

Nel nome del Padre

Apparizione - Ultimo messaggio Madonna di Medjugorje oggi 2 agosto 2017

Apparizione e sole a Medjugorje (foto: Gloria Callarelli)

"Fatalità" nella Festa del Perdono di Assisi, chiesto da San Francesco, la Madonna di Medjugorje ha lasciato a Mirjana un messaggio che parla proprio di perdono, di capacità di pregare, di amare. Tutto, tutti i  gesti, tutto il mistero della preghiera pare ricondurci ad un verbo che la Madonna usa tanto frequentemente almeno quanto la parola pregare: ed è proprio la parola "amore". Tutto gira attorno all'amore, fatto anche di perdono, di sacrificio, di esempio, di rinuncia, di dono. Ed in un giorno come questo non può non scattare in noi un senso di responsabilità quando nelle nostre orecchie risuona l'ultima frase del messaggio, l'ultima esortazione: a cosa serve la preghiera se non amiamo e non perdoniamo?

IL MESSAGGIO. "Cari figli, per volontà del Padre Celeste, come Madre di Colui che vi ama, sono qui con voi per aiutarvi a conoscerlo, a seguirlo. Mio Figlio vi ha lasciato le impronte dei suoi passi, perché vi fosse più facile seguirlo. Non temete, non siate insicuri. Io sono con voi! Non fatevi scoraggiare, perché sono necessari molta preghiera e sacrificio per quelli che non pregano, non amano e non conoscono mio Figlio. Aiutateli vedendo in loro dei vostri fratelli. Apostoli del mio amore, prestate ascolto alla mia voce in voi, sentite il mio materno amore. Perciò pregate: pregate operando, pregate donando. Pregate con amore, pregate con le opere e con i pensieri, nel nome di mio Figlio. Quanto più amore darete, tanto più ne riceverete. L’amore scaturito dall’Amore illumina il mondo. La redenzione è amore, e l’amore non ha fine. Quando mio Figlio verrà di nuovo sulla terra, cercherà l’amore nei vostri cuori. Figli miei, lui ha fatto per voi molte opere d’amore. Io vi insegno a vederle, a comprenderle e a rendergli grazie amandolo e perdonando sempre di nuovo il prossimo. Perché amare mio Figlio vuol dire perdonare. Non si ama mio Figlio, se non si riesce a perdonare il prossimo, se non si riesce a cercare di capire il prossimo, se lo si giudica. Figli miei, a cosa vi serve la preghiera, se non amate e non perdonate? Vi ringrazio!".

Nel nome del Padre

" In verità vi dico: era tanto tempo che volevo scrivere approfondimenti di e per la religione e grazie al Cielo il tempo è arrivato! In fondo non di solo pane vive l'uomo ma anche di conoscenza e di fede. ""Perché coloro che non vedono, vedano e quelli che vedono, diventino ciechi"". E così sia! Buona lettura! "

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Io non credo agli attuali messaggi. Spero che questa gente non si prenda gioco delle sofferenze delle persone. Questi messaggi sono ripetitivi senza mai entrare nel merito delle cose.

    • Sono trent'anni che si parla di "segreti"che sono cosi segreti che non si possono neppure dire al Papa, solo i veggenti possono essere custodi di questi "segreti"? Io non ci credo !

Torna su
Today è in caricamento