Si finge una ragazza su Facebook per adescare i minori dell'oratorio

Un ventiduenne brianzolo faceva il volontario in oratorio e l'allenatore di basket. La mamma di un ragazzino ha scoperto tutto sbirciando sul tablet del figlio

MONZA - Adescava minorenni su Facebook fingendosi una ragazza, quegli stessi minorenni che conosceva e frequentava come volontario all’oratorio e come allenatore di basket maschile. Un ventiduenne brianzolo ha patteggiato una pena di un anno e mezzo con la condizionale, e il divieto di frequentare luoghi destinati ai minori, per adescamento e possesso di materiale pedopornografico.

La vicenda risale al 2012 e ha coinvolto una mezza dozzina di ragazzini, ora tra i 16 e i 17 anni, di cui uno si è costituito parte civile attraverso i suoi genitori, ottenendo poi un risarcimento di poche migliaia di euro, secondo quanto riporta Il Giorno. A scoprire tutto era stata la mamma del ragazzino. Sbirciando nel tablet del figlio aveva scoperto che questi aveva stretto amicizia su Facebook con una ragazza che gli mandava foto e video porno e lo invitava a fare altrettanto. Dalle indagini era poi risultato che dietro il profilo Facebook si nascondeva proprio il ventiduenne. (MonzaToday)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiede il reddito di cittadinanza, ma si "dimentica" di avere un albergo da 800mila euro

  • Medico muore durante il turno di notte: aveva 28 anni

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 12 novembre 2019

  • Nuovo maxi concorso: oltre 300 posti a tempo indeterminato, si cercano laureati e diplomati

  • Tasse, chi rischia di pagare di più con la nuova Imu

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 16 novembre 2019

Torna su
Today è in caricamento