Alessia, uccisa dal compagno: "colpa" di un viaggio prima di Natale

Il corpo della 29enne trovato in un lago di sangue nel suo appartamento: era tornata l'antivigilia di Natale da un breve viaggio. Con lei, in casa, la sua bimba di 4 anni. Il compagno fermato dopo l'omicidio: era convinto che lei volesse lasciarlo

A sinistra Alessia Partesana (Foto Fb), a destra gli inquirenti sul luogo del delitto (Ansa)

Era tornata il 23 dicembre, l'antivigilia di Natale, da un breve viaggio di tre giorni. Una volta rientrata nella sua abitazione di Bee, sulle colline che sormontano il Lago Maggiore, è iniziata una furibonda lite con il suo compagno, Marco Lopez Tacchini, 33 anni. Alessia Partesana, 29 anni, è morta a causa delle coltellate ricevute dalla persona che diceva di amarla davanti alla sua bambina di 4 anni. A trovarla, in casa, la mattina della vigilia di Natale sono state le forze dell'ordine. 

Alessia e Marco aveva litigato, per l'ennesima volta, a causa di quel breve viaggio: lui era convinto che lei volesse lasciarlo. La loro bambina dormiva. Al culmine del litigio, lui ha preso un coltello da cucina e l'ha uccisa con una trentina di coltellate alla schiena. "Voleva lasciarmi". Con queste parole Tacchini ha provato a motivare il raptus che lo ha portato a uccidere la sua compagna ai carabinieri del comando provinciale di Verbania. Dopo il delitto è stato l’uomo a chiamare i carabinieri che, quando sono arrivati in casa, hanno trovato la ragazza ormai morta nel soggiorno. Marco Tacchini è stato poi fermato, la mattina della Vigilia di Natale, alla guida della sua auto, ancora ricoperto di sangue, dopo essersi allontanato dal luogo del delitto.

La figlia di Alessia e Marco, per fortuna, non si sarebbe accorta di niente. Dormiva. Aspettava Babbo Natale. Ora il tribunale dei minori di Torino ha dato il via libera al trasferimento della piccola, almeno per il momento, a casa dei nonni materni: nelle prossime settimane la decisione sull'affidamento. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Non vogliamo la pena di morte? Bene, ergastolo, perchè uccidere una persona signi@#?*%$ spesso uccidere anche i suoi cari. Basta con chi difende gli assassini, una società che non tutela i propri cittadini è una società fallita!

  • Avatar anonimo di Frank Serpico
    Frank Serpico

    occorre iniziare a dare l'ergastolo sempre e comunque per chiunque UCCIDA una persona, pena minima negli USA per chi si macchia di omicidio!!!

  • Ehhhhh già...

Notizie di oggi

  • Attualità

    Dragone senza diritti: la disumanità cinese che l'Italia ignora pur di far cassa

  • Mondo

    Trump incendia (ancora) il Medio Oriente: preoccupazione per i caschi blu italiani

  • Cronaca

    A San Ferdinando i braccianti continuano a morire: "La peggiore smentita alle vanterie di Salvini"

  • Politica

    Riace, la Procura di Locri chiede il rinvio a giudizio per Mimmo Lucano

I più letti della settimana

  • Isola dei Famosi 2019: cast, concorrenti, puntate e tutte le anticipazioni

  • Il duro messaggio di Alessandro Casillo: "Cara Maria, ecco perché ho lasciato Amici"

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto: i numeri vincenti di oggi sabato 16 marzo 2019

  • Elezioni europee 2019, la guida al voto: tutto quello che c'è da sapere

  • Carlo Conti confessa: "Ho ripreso al volo mia moglie Francesca"

  • Bocca secca e dolori, per l'ospedale stava bene: 7 indagati per la morte di Alessandro

Torna su
Today è in caricamento