Travolse e uccise Francesca Bilotti: pena dimezzata per l'autista del bus

I giudici della Corte d'Appello di Salerno hanno condannato Pietro Bottiglieri a due anni di reclusione (pena sospesa), rispetto ai 4 anni e 8 mesi della sentenza di primo grado

Francesca Bilotti

SALERNO - I giudici della Corte d’Appello di Salerno lo hanno condannato a due anni di reclusione, con pena sospesa. Pietro Bottiglieri, l'autista del bus che il 24 novembre 2014 travolse e uccise durante una manovra nel Terminal Bus dell’università degli studi di Fisciano la studentessa salernitana Francesca Bilotti, in primo grado era stato condannato a quattro anni e otto mesi.

I giudici, come riporta SalernoToday, non hanno riconosciuto neanche la liquidazione del danno ai genitori della giovane ragazza originaria di Giffoni. Ora, però, bisognerà attendere le motivazioni per sapere se è stata accolta la tesi del pg Renato Martuscelli, ovvero che ci sia un concorso di colpa anche da parte della vittima.

Ieri in tribunale era presente anche la madre di Francesca, che ha fatto recapitare – tramite il suo avvocato – una lettera di sfogo ai giudici senza mai entrare in aula, con cui criticherebbe il comportamento “freddo e disinteressato” dell’autista nei loro confronti fin da subito dopo l’incidente.

La notizia su SalernoToday

Potrebbe interessarti