Genitori prendono a schiaffi la figlia perché fuma in casa: dovranno risarcirla

Lo ha stabilito la Cassazione, dopo che una 16enne di Torino aveva trascinato il padre e la compagna in tribunale, dopo essere stata picchiata più volte

TORINO - Se i genitori alzano le mani, i figli hanno diritto a fare causa ed esigere un risarcimento. Lo ha stabilito la Cassazione ricordando che ci sono dei “limiti nell’esercizio delle facoltà coercitive genitoriali”.

Per questo, la Quinta sezione penale della Suprema corte ha stabilito un risarcimento per una 16enne di Torino schiaffeggiata dal padre e dalla compagna perché fumava.

MULTE AI GENITORI - La Cassazione ha inoltre confermato una multa nei confronti del padre di 750 euro e una di 600 per la compagna del genitore. La coppia aveva fatto ricorso, cercando di dimostrare che le reazioni violente erano tese a correggere il carattere "ribelle" della ragazza.

La Suprema corte ha evidenziato due episodi nei quali la coppia aveva reagito in modo violento nei confronti della ragazza. Una prima volta, il padre l’aveva schiaffeggiata sei volte prendendola per i capelli. In seguito, la compagna aveva tirato un cucchiaio contro la ragazza. (da TorinoToday)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni, c'è una buona notizia sull'età di vecchiaia

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 9 novembre 2019

  • Tasse sulla casa, arriva la nuova Imu (e scompare la Tasi): cosa cambia

  • Dal bonus in busta paga ai buoni pasto: cosa cambia nel 2020 per i lavoratori dipendenti

  • Mamma scomparsa, vede il disegno della figlia a Chi l'ha visto e si fa viva con l'avvocato: "Sto bene"

  • Natalia Titova: "La malattia è peggiorata, costretta a lasciare 'Ballando con le stelle'"

Torna su
Today è in caricamento