La dolce morte di Paola: "Cinque minuti e diecimila euro, addio"

"Voglio fregare la morte battendola sul tempo". Paola Cirio, 53enne torinese, è immobilizzata dalla sclerosi. E ha scelto di non soffrire più

Paola Cirio, 53 anni

Ha prenotato la sua “dolce morte” in una clinica svizzera: a 53 anni, le gambe paralizzate dalla sclerosi multipla, ha inviato a Ginevra le cartelle cliniche che attestano dal 2002 la diagnosi di una malattia che finirà per bloccare ogni suo muscolo. E ha allegato un assegno di diecimila euro. Paola Cirio, torinese, ha deciso che non vuole più soffrire e lo ha voluto comunicare pubblicamente attraverso un video perché ritiene importante che anche chi non ha i mezzi economici per scegliere di morire con dignità abbia un’opportunità che l’Italia (per ora) vieta.

Tra pochi giorni inizierà in Parlamento un altro capitolo sul tema sensibile dei diritti individuali in contrasto con una presunta morale unica. In Senato ci sarà anche lei, accanto a "Sos Eutanasia" che si batte per rendere legale il suicidio assistito o almeno per fare qualche passo in avanti sui temi del fine vita, testamento biologico compreso.

Andrea Malaguti su La Stampa ha raccolto la lucida testimonianza di Paola: "Mi hanno detto che per morire ci vogliono cinque minuti e diecimila euro. Ti danno un gastroprotettore. E subito dopo un bicchiere di veleno, una sostanza di cui non ricordo il nome. A quel punto te ne vai. Senza sentire dolore. Mi hanno anche raccontato di un uomo che prima di spegnersi ha cominciato a russare. Come se, finalmente, stesse dormendo sereno".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E’ questo il suicidio assistito in Svizzera. "E’ già tutto predisposto, ho avuto la luce verde e non ho paura - continua Paola - E so che, anche se non mi ridaranno i soldi, posso tornare indietro fino all’ultimo istante. Ho un’opportunità in più. Mi hanno fatto capire che andando in Svizzera potevo decidere da sola. Ho detto: bene, lo faccio, perché ho pensato che quando la malattia mi paralizzerà non avrò neanche la forza di buttarmi dalla finestra".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in arrivo un altro Dpcm di Conte: ecco le nuove misure dal 14 luglio

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 14 luglio 2020

  • Tour de France 2020, tutte le tappe: altimetria, calendario e percorso

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 11 luglio 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 9 luglio 2020

  • Giro d'Italia 2020, tutte le tappe: altimetria, calendario e percorso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento