Parto in casa, ma la bimba è podalica: indagati genitori e ostetriche

Indagati i genitori di un bimba nata in casa a Trento, insieme alle due ostetriche di un ente privato, che hanno assistito al parto: conseguenze permanenti alla salute della neonata

Sono iscritti al registro degli indagati i genitori di un bimba nata in casa a Trento, insieme alle due ostetriche di un ente privato, che hanno assistito al parto. Secondo l'accusa i genitori sarebbero stati al corrente del fatto che la bimba fosse in posizione podalica (cioè con la testa verso l'alto e i piedi verso il canale vaginale) e che, come di norma, si sarebbero dovuti rivolgere all'ospedale per un parto cesareo.

L’azienda sanitaria avrebbe consigliato alla madre di recarsi in ospedale quando sarebbe cominciato il travaglio. Le complicazioni inevitabilmente insorte al momento del parto hanno causato conseguenze permanenti alla salute della neonata. La bambina, al momento della nascita, era cianotica e in arresto cardiaco. Si è salvata per l'azione delle due ostetriche, ma anche per l'intervento dei sanitari di Trentino emergenza. 

I fatti risalgono al 27 settembre 2017. Ora la Procura della Repubblica di Trento ha chiuso l'indagine e chiede il rinvio a giudizio. L'ipotesi di reato, per tutti e quattro gli indagati, è di lesioni personali.

Partorisce in casa e muore dieci giorni dopo: aveva 35 anni

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oroscopo Paolo Fox, le previsioni della settimana dal 13 al 19 gennaio 2020

  • Aumenti in busta paga da luglio 2020: chi può sorridere

  • Busta paga più ricca da luglio: cambia anche il bonus Renzi, gli 80 euro diventano 100

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Estrazioni Lotto e numeri SuperEnalotto di sabato 11 gennaio 2020

  • Sanremo 2020, la furia di Claudia Gerini contro Amadeus: "Comportamento inaccettabile"

Torna su
Today è in caricamento