"Sei femmina, passi la serata con me": lo "rifiuta" e viene presa a pugni

L'episodio venerdì sera, fuori da un locale a Brescia. Nessuno si sarebbe fermato per aiutare la giovane o chiamare i soccorsi. Il suo racconto a BresciaToday

La giovane dopo l'aggressione (Foto BresciaToday)

Sul volto porta ancora i segni della tremenda aggressione subita venerdì sera: il labbro inferiore tenuto insieme da alcuni punti di sutura, l’incisivo superiore spaccato. Ma per Giada (nome di fantasia) quelli sono i danni minori. Sa che le ferite guariranno con il tempo, a differenza della paura, che non la lascia un istante.

La giovane è terrorizzata, basta guardarla negli occhi per capirlo, la sua voce e le sue mani non smettono di tremare mentre ci racconta la brutale aggressione che ha subìto al termine di una serata passata con un’amica, in un bar della zona ovest della città. Vive con il terrore di trovarsi di nuovo faccia a faccia con lo sconosciuto, di poco più grande di lei, che ha sferrato quel pugno che le ha spaccato il labbro, mandandola a terra e facendole perdere i sensi.

Si è svegliata con il sangue sul viso, il labbro tumefatto e l’amica Rachele che le bagnava la testa. Rachele è stata l’unica persona su cui ha potuto contare. A fare più male delle ferite è l’indifferenza, della titolare del locale, come dei passanti. “Avevamo entrambe i telefoni scarichi e abbiamo chiesto aiuto dentro al bar - racconta Giada -  ma ci è stata chiusa la porta in faccia, così abbiamo provato a fermare le auto che passavano, ma nessuno si è fermato o ci ha prestato il telefono per chiamare le forze dell’ordine.”

Giada è diventata maggiorenne da poco, ma ha mostrato più coraggio e saggezza degli adulti. Il giorno successivo ha denunciato chi l’ha picchiata, alla Polizia, come a noi: “Non voglio che ci siano altre vittime, anche se convivo con il timore che il mio aggressore mi venga a cercare e tremo all’idea di incontrarlo per strada. Ho deciso di raccontare quello che mi è successo, perché spero che quel balordo non la passi liscia e che altre ragazze non subiscano quello che ho patito io.”

È stata atterrata da un pugno, perché prima ha ‘rifiutato’, poi ha tenuto testa a uno sconosciuto: “Mi ha picchiata solo perché sono una femmina - grida con tutta la rabbia che ha in corpo -. Io e la mia amica abbiamo rifiutato di trascorrere la serata con lui e la sua compagnia: ci siamo sentite dire che eravamo donne e quindi dovevamo fare quello che dicevano loro. Da qui l'inizio di diversi botta e risposta, sempre più maschilisti e offensivi. Poi ci hanno attese fuori del locale. Mentre aspettavo che la mia amica pagasse, sono stata colpita da uno di loro e dei momenti successi non ricordo nulla. La mia amica è riuscita a difendersi e a metterli in fuga, con la minaccia di chiamare la polizia”.

Dal giorno successivo alla brutale aggressione cerca di raccogliere indizi e prove da portare alla polizia, come gli eventuali filmati delle telecamere di sorveglianza,  perché risalga all’identità del suo aggressore, che si augura non la faccia franca. “Finché non lo troveranno non mi darò pace. Non esco più di casa da sola, ho paura addirittura ad andare a scuola o ad uscire sul terrazzo della mia abitazione. Sono giorni che penso e parlo solo di quell’episodio: è diventata quasi un'ossessione. Non avrei mai creduto che potesse accadermi una cosa simile, e per quale motivo, poi? Perché non sono stata zitta ad incassare i tremendi insulti che mi ha rivolto? Ma in che mondo viviamo?”.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • @Proprietario del Bar: "abbiamo chiesto aiuto dentro al bar ma ci è stata chiusa la porta in faccia”. Si chiama omissione di soccorso e spero venga denunciato anche lei.

  • Redazione, come mai omettete la nazionalità del denunciato?

    • Perchè, cambierebbe qualcosa? Una m.e.r.d.a. è una m.e.r.d.a, punto!

  • Avatar anonimo di ricky
    ricky

    Soggetti che si comportano così, non meritano l'aria che respirano.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Gianni in Svizzera a morire come dj Fabo: "Un viaggio per la dignità"

  • Cronaca

    Le ultime ore di dj Fabo: "E' morto sereno, mordendo il pulsante per il farmaco letale"

  • Citta

    Firenze, spari contro la ditta e l'auto dell'amico di Renzi: due arresti

  • Video

    Milano, ancora eroina e disperati nel bosco della droga: un altro blitz con le ruspe

I più letti della settimana

  • Incidente sull'A8, furgone si ribalta e travolge un'auto: un morto e due feriti gravi

  • Luigi Celentano scomparso da Meta di Sorrento: "Torna, hai diritto di vivere nella tua città"

  • Nasconde 180mila euro in contanti nelle valigie: sorpresa dalla finanza a Malpensa

  • Barletta, investita da un treno al passaggio a livello: morta una ragazza

  • Doppio suicidio a Lucca, coppia di ristoratori si toglie la vita

  • Simula il suicidio per postare la foto su Facebook: 13enne in gravi condizioni

Torna su
Today è in caricamento