“Non sparare a salve, spara a Salvini”: la scritta contro il vicepremier

Sul muro di un'abitazione di Milano è apparso il murale a firma anarchica: “Non sparare a salve, spara a Salvini”. La reazione del diretto interessato affidata ai social: “Ennesima vergognosa minaccia”

La scritta comparsa a Milano (Foto di Fabrizio Cecchetti da MilanoToday)

“Non sparare a salve, spara a Salvini”: la scritta a caratteri cubitali contro il vicepremier e Ministro dell'Interno Matteo Salvini è comparsa su un muro a Milano, con precisione su di una casa popolare di via Voltri, in zona Barona. Il murale 'con dedica' è stato realizzato con una vernice blu, con la 'A' anarchica scritta in rosso che sembrerebbe essere la 'firma' degli autori.

La scritta è stata notata nella mattina di giovedì 24 dicembre, quando sono stati chiamati ad intervenire gli agenti della Digos della Questura di Milano, che hanno effettuato tutti gli accertamenti e i rilievi del caso. 

“Spara a Salvini”: il commento sui social del vicepremier

“Ennesima vergognosa minaccia - ha commentato il leader della Lega su Twitter -. Niente e nessuno mi spaventa o mi fermerà, mi auguro che la condanna nei confronti di questi delinquenti sia unanime”.

Il vicepremier è poi tornato sull'argomento durante una delle sue consuete dirette su Facebook: “Ho smesso di ridere. Ho esaurito la pazienza. Conto che le forze dell'ordine vadano a beccare questi deficienti. In democrazia è bello il confronto tra idee diverse: suggerire, modificare, migliorare. Critica e confronto politico. Ma queste non sono idee, quando un coglione scrive: 'sparate a Salvini', non è bello. E poi ci sarà sicuramente qualche 'professorone' che lo giustifica pure”.

sparare salvini murales-2

Scritta contro Salvini, il ministro Fontana: “Non ci fermiamo”

Sulla scia del vicepremier è arrivata anche la reazione di Lorenzo Fontana,  Ministro per la Famiglia e le Disabilità e vicesegretario federale della Lega, che ha affidato a Facebook il suo commento: “Vicini a Matteo Salvini, non ci fermeranno”.

I precedenti contro Salvini

Lo scorso 14 dicembre, durante una manifestazione di studenti, a finire nel mirino era stato ancora Matteo Salvini, con i giovani che avevano bruciato un fantoccio con il suo volto. Nella notte tra lunedì e martedì, invece, qualcuno - al momento ancora ignoto - ha lanciato una bottiglia incendiaria contro la saracinesca della sezione Darsena della Lega.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Buoni fruttiferi postali, il "brutto pasticcio" sui rimborsi

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 20 febbraio 2020

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 18 febbraio 2020

  • C'è posta per te, Maria De Filippi perde la pazienza: "Non ce la posso fa"

  • Heather Parisi: "La mia vita in Cina nell'inferno del Coronavirus. Qui si lavora da casa, i prodotti sono razionati"

Torna su
Today è in caricamento