mercoledì, 01 ottobre

Carolina suicida a 14 anni, un amico pentito: "L'ho emarginata"

Un amico della ragazza che si è suicidata a Novara si sfoga al Corriere della Sera: "Ho sbagliato con lei, ma non sono un bullo. Qualcuno ci è andato giù pesante". L'ultimo messaggio di Carolina su Facebook: "Con la gente ho già avuto troppa pazienza, non voglio più perdere tempo"

Redazione 8 gennaio 2013

NOVARA - "Facciamo attenzione: non diamo vita ad alcuna caccia alle streghe", dice il procuratore capo di Novara a proposito del caso di Carolina Picchio, la studentessa di 14 anni che si è tolta la vita lanciandosi dal balcone di casa nella notte tra venerdì 4 e sabato 5 gennaio 2012.

Gli amici e i conoscenti usano i social network Facebook e Twitter per esprimere il loro dolore e accusare "chi la prendeva in giro". Alcuni coetanei avrebbero ripetutamente e pesantemente insultato la ragazza fino a provocare in lei uno stato di profonda vergogna e prostrazione.

L'AMICO PENTITO - "Quando ho capito che avevamo esagerato le ho chiesto scusa, ma ormai era troppo tardi. Adesso tutto, anche quello che dico, è inutile. Almeno per lei", ha detto un amico della 14enne al Corriere della Sera. "Non sono un bullo - dichiara il ragazzo - con Carolina ho sbagliato, ma non ho fatto il bullo. E' vero, qualcuno ci è andato giù pesante, altri ci hanno preso gusto e io ci sono andato dietro. Con quel modo di fare mi faceva arrabbiare e le ho dato le spalle. Non so nemmeno io il perché, era così e basta".

IL RICORDO DEGLI AMICI SU YOUTUBE: GUARDA IL VIDEO

LE INDAGINI CONTRO IGNOTI - "Con la gente ho già avuto troppa pazienza, non voglio più perdere tempo", è stato l'ultimo messaggio di Carolina su Facebook. Gli inquirenti, oltre ad invitare alla calma, al momento stanno indagando contro ignoti per capire le reali motivazioni che hanno portato la giovane al gesto estremo. Carolina, a quanto pare, avrebbe partecipato a una festa poco prima di togliersi la vita: si parte da qui per le indagini. (da NovaraToday)

Carolina Picchio
suicidi

Commenti