Truffa dello specchietto, l'incubo degli automobilisti fermato per gli "occhi da pesce lesso"

L'uomo, 33 anni, ha raggirato per anni gli automobilisti a Roma. Come funziona la truffa dello specchietto (e come difendersi)

Attenzione alla truffa dello specchietto

Lo hanno fermato anche grazie alle descrizioni precise fornite dalle vittime e al bizzarro particolare degli "occhi da pesce lesso". L'uomo, un 33enne romano, era diventato l’incubo degli automobilisti dell'Eur, zona sud della Capitale. Da anni usava la solita strategia per raggirate le vittime di turno, la cosiddetta "truffa dello specchietto", spacciandosi in molti casi per un mafioso. 

L'uomo avvicinava le sue vittime facendole accostare con l’autovettura e, "inventando" di essere stato urtato dalle stesse, tentava di estorcere loro denaro e le minacciava dicendo di appartenere a famiglie mafiose. Date le numerose denunce, gli agenti della Polizia di Stato del commissariato Colombo hanno iniziato un’attenta attività d’indagine e sono riusciti a risalire all'uomo, già sottoposto alla misura della sorveglianza speciale. Ieri i poliziotti hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere, accompagnandolo nel carcere romano di Regina Coeli.

Truffa dello specchietto: come funziona (e come difendersi)

La truffa dello specchietto è una delle truffe più "famose" e al contempo più semplici. Meglio non abbassare mai la guardia, perché le truffe non vanno mai in vacanza. Anzi, quando le città si svuotano e i potenziali testimoni diminuiscono, il rischio di subirne una aumenta. Il trucco della truffa dello specchietto è questo: si fa credere all’automobilista che la sua macchina abbia involontariamente urtato lo specchietto retrovisore dell’auto del truffatore per "spillargli" un po' di soldi. La povera vittima viene indotta a non fare il Cid (per evitare che l'importo della propria rata dell'assicurazione aumenti) e "convinta" a pagare il danno causato, in realtà mai avvenuto, in contanti.

Per evitare di essere truffati anche in caso di piccoli danni è meglio fare il Cid. Se si ha il sentore di essere vittima di una truffa è inoltre possibile contattare il 112.

Smalto per unghie per creare finte abrasioni: così inscenavano la "truffa dello specchietto" 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In arrivo una lettera dell'agenzia delle entrate per 700mila italiani

  • Ora solare 2019, quando scatta il cambio: il tempo stringe

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di giovedì 17 ottobre 2019: i numeri vincenti

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di sabato 19 ottobre 2019: i numeri vincenti

  • Elena Santarelli rivela: "Io e Bernardo Corradi ci siamo allontanati a causa della malattia di Giacomo"

  • Le Iene, lo scherzo a Tina Cipollari sfugge di mano: in questura per denunciare il figlio

Torna su
Today è in caricamento