Famiglia del boss fa le vacanze nella villa confiscata

La villa di lusso sul mare in provincia di Ragusa era stata confiscata nel 2010, ma i familiari del boss Madonia hanno violato i sigilli

RAGUSA - La super villa di uno dei capi storici di Cosa Nostra - il boss di Caltanissetta Giuseppe Madonia - sul litorale di Santa Croce Camerina a Ragusa, era stata confiscata con provvedimento emesso dal Tribunale nel 2000 e divenuto definitivo nel maggio del 2010.  L'immobile era stato trasferito al Comune e poi destinato ad un'associazione per la protezione degli animali. La figlia e il genero dell'uomo condannato all'ergastolo per la strage di Capaci, però, vi hanno trascorso parte della scorsa estate: è quanto emerge dalle indagini dei carabinieri.

I coniugi, oltre ad invitare altri parenti nella villa, avevano anche stipulato un contratto con l'Enel per la fornitura di energia elettrica, senza peraltro pagare le bollette.

I due devono ora rispondere di concorso in violazione dei sigilli, arbitraria invasione di edificio e violenza privata aggravata dall'essersi avvalsi della forza intimidatrice derivante dall'appartenenza a Cosa Nostra. La Procura della Repubblica di Ragusa ha già notificato agli indagati l'avviso di conclusione delle indagini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiede il reddito di cittadinanza, ma si "dimentica" di avere un albergo da 800mila euro

  • Medico muore durante il turno di notte: aveva 28 anni

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 12 novembre 2019

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 16 novembre 2019

  • Rompe il finestrino per rubare: nell'auto trova un vero tesoro

  • Tasse, chi rischia di pagare di più con la nuova Imu

Torna su
Today è in caricamento