domenica, 31 agosto

Picchia e violenta la moglie perché non vuole il sesto figlio

Brutale storia di violenza e soprusi nel milanese: la coppia ha già 5 figli, di cui 3 femmine. Il marito vorrebbe un terzo maschio, ma la moglie non vuole "pareggiare" il conto per le precarie condizioni economiche e viene picchiata per mesi

Redazione 5 maggio 2012

MILANO - Hanno già cinque figli - di cui tre femmine - ma lui vorrebbe il terzo maschio, per "pareggiare" il conto tra figli maschi e figlie femmine. Sua moglie non accetta, e allora viene picchiata e violentata per mesi. E' una storia di degrado, ignoranza e terrore quella di una 28enne pakistana residente a Castano Primo, in provincia di Milano, insieme al marito, un connazionale di 43 anni. Che l'ha maltrattata per diversi mesi in tutti i modi. Unica "colpa" della donna, non volere il sesto figlio.

La coppia vive in una situazione economica precaria: forse per questo motivo la donna non voleva generare il sesto figlio. Ma il marito (l'unico in famiglia a portare a casa qualche soldo, oltretutto spedendo in Pakistan parte dello stipendio) non ne voleva sapere. E così partono i maltrattamenti, le percosse, i rapporti sessuali costretti.

La donna soltanto questa settimana ha trovato il coraggio di denunciare la sua situazione, recandosi alla stazione dei carabinieri di Castano approfittando di un'assenza del marito. L'uomo è stato immediatamente arrestato, lei è stata portata in un luogo protetto insieme ai suoi bambini. (da MilanoToday)

violenze

Commenti