Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

La lotta e la rabbia dei pastori sardi: “Prezzi del latte illegali”

La denuncia della Coldiretti: “Le remunerazioni offerte sono indegne, offensive e vietate dalla norma sulla concorrenza”. Il premier Conte e il ministro Centinaio vanno in Sardegna, domani la protesta a Montecitorio
Torna a La lotta e la rabbia dei pastori sardi: “Prezzi del latte illegali”

Commenti (6)

  • Io direi da semplice cittadino ITALIANO che bisognerebbe avere meno politici che stanno solo per scaldare le poltrone , avere pochi elementi che vogliono fare politica vera e cominciare a dare VERAMENTE una mano al popolo ITALIANO che ormai è indifeso , abbandonato e le aziende sono destinate alla morte .

  • Avatar anonimo di Federico
    Federico

    secondo voi con la crisi che c'è una famiglia compra un formaggio a 18 euro al kg o a meno? Compra secondo il proprio portafoglio e soprattutto secondo i propri gusti!

  • Avatar anonimo di Federico
    Federico

    Da Sardo dico: giusto il principio ma sbagliati i modi! il latte é l'alimento primario della vita, non si butta! Si da in beneficenza, si trasforma in prodotti e si vendono al mercato solidale, si danno in benegicienza ma non si butta! I sardi si stanno stancando di subire i dissgi chd i pastori stanno provocando, stanno colpendo i poveri come loro non gli industriali. Vergogna, la rivoluzione si fa col popolo per il popolo e non contro il popolo!!!

  • Loro sono l'anello debole della catena. Se il ragionamento degli imprenditori fosse corretto, e cioè che sono costretti a pagare meno il latte perchè vendono a meno il loro prodotto, la stessa cosa varrebbe per i mangimi: i pastori dovrebbero pagarli meno perchè vendono a meno il loro latte. E lo stesso dovrebbe valere per l'energia. Ma è qui che emerge la vera magagna: il cuneo fiscale. Il pastore non ha la possibilità di contrattare il prezzo dell'energia perché non ha agevolazioni, ed all'imprenditore del caseificio il lavorante "consuma" il 70% dei costi. In Tunisia, invece, il gasolio per i mezzi agricoli e l'acqua per l'irrigazione vengono dati agli agricoltori a prezzi irrisori... il responsabile di tutto rimane sempre lo Stato.

  • Sicuramente meritano appoggio e sostegno ma vedere tutto quello spreco mi fa male al cuore. Capisco che siano gesti di protesta ma vedere tutto quel latte gettato via mi infastidisce e dispiace.

  • sono con voi!

Torna su
Today è in caricamento