Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Pensioni, Quota 100 "spacca-conti": la riforma potrebbe costarci cara

La misura è considerata intoccabile, ma restano i dubbi sulla sostenibilità a lungo termine e il “peso” sui conti pubblici. Secondo l'ultimo studio della Ragioneria generale dello Stato, in 18 anni Quota 100 arriverà a costare 63 miliardi di euro
Torna a Pensioni, Quota 100 "spacca-conti": la riforma potrebbe costarci cara

Commenti (6)

  • diciamo la verità lo stato si è mangiato i soldi che abbiamo versato, il sistema funzionava così bene che gli enti previdenziali investivano il surplus negli immobili , ma lo stato ha svuotato e svenduto tutto per fare cassa e ci ha lasciati in braghe di tela e poi dice anche che è colpa nostra ....

  • Continuate a scrivere cazzate, quota cento e sperimentale per 3 anni,inutile che pubblichiate studi si 18 anni

  • Ma chi si occupa del TFR dei pubblici dipendenti? Devono ingiustamente attendere 27 mesi, se ci arrivano?

  • ... figuriamoci dove potremmo andare a trovare i soldi per mantenere i migranti che vogliono accogliere, quindi...

    • ma hai sempre e solo un'idea fissa in mente, e la esponi a.proposito e a sproposito. Aggiornati, ogni tanto

      • ... capisco che tu non sappia neanche contare, ma se non riesci neanche con i calcoli più semplici evita almeno di scrivere stupidaggini... aggiornati tu, piuttosto, per esempio con l'ultima notizia del buon Conte che dice da Bruxelles che adesso accogliamo tutti noi ma poi li redistribuiamo, con il pieno appoggio di Tusk-e chi non li prende sarà penalizzato economicamente... pagliacciate che vanno bene per quelli come te che abboccano alle panzane, gli altri sanno che l'appoggio promesso dall'UE sarà appunto sempre lo stesso(... chi li vuole?... qualcuno li vuole?... no?... acc....), che chi non accoglie se la ride perché le penalità economiche-sempre che... - sono una barzelletta rispetto ai soldi che si risparmiano a mantenerli, e tutto questo in un contesto come quello menzionato nell'articolo, cioè la situazione economica del nostro paese, i debiti che abbiamo, e le spese che dobbiamo sostenere per noi cittadini(... con la disoccupazione al 10% etc. ...) :se sei benestante buon per te, l'italiano medio sa che se vuole arrivare a fine mese non ha bisogno di spese superflue, e pagare ad altri quello che non ci possiamo permettere noi è sicuramente più che superfluo... oltre che imposto con metodi da dittatura senza consentire ai cittadini di esprimersi in merito... dicevi, a sproposito?

Torna su
Today è in caricamento