Basilicata, creati 700 posti di lavoro con l'accoglienza dei migranti

Si tratta di lavoratori lucani, in particolare giovani, impegnati come mediatori culturali, interpreti, assistenti socio sanitari, insegnanti e addetti ai vari settori che provvedono ai servizi di soggiorno, cura e inclusione. Questo significa che i flussi in entrata di migranti oltre ad accogliere creano occupazione stabile. In due anni sono stati assunti nel settore la metà dei lavoratori reclutati nello stesso periodo dalla Fiat Sata di Melfi

"Negli ultimi due anni sono stati creati in Basilicata 700 posti di lavoro diretti nel sistema di accoglienza dei richiedenti asilo. Si tratta di lavoratori lucani, in particolare giovani, impegnati come mediatori culturali, interpreti, assistenti socio sanitari, insegnanti e addetti ai vari settori che provvedono ai servizi di soggiorno, cura e inclusione. Questo significa che i flussi in entrata di migranti oltre ad accogliere creano occupazione stabile. In due anni sono stati assunti nel settore la metà dei lavoratori reclutati nello stesso periodo dalla Fiat Sata di Melfi. Quindi nessun furto di lavoro da parte dei migranti, anzi". Lo dichiara Pietro Simonetti, Coordinamento politiche migranti della Regione Basilicata.

"Ecco le cifra relative alle risorse finanziarie, prevalentemente di origine UE, che saranno allocate nella nostra regione nel 2017/18: oltre 70 milioni di euro per garantire i livelli occupazionali degli operatori lucani assunti e per sostenere l'accoglienza. La spesa per gli occupati lucani pesa per oltre il 20/25% della spesa complessiva prevista. Il resto sostiene i fitti degli appartamenti utilizzati, sulle strutture dell'accoglienza diffusa, l'acquisto dei generi alimentari, vestiario ed altro definiti nei capitolati di appalto da parte delle Prefetture ed altri servizi sul territorio lucano da parte dei gestori. Questa è la dimensione delle risorse da utilizzare al netto di quelli indotti relativi al trasporto, alle attività degli studi legali, attività formative e lavorative".

"Tra pochi giorni i Comuni Lucani che ospitano i richiedenti asilo - aggiunge Simonetti - riceveranno gli incentivi del Governo pari a circa 1,3 milioni in rapporto agli ospiti presenti al 22 ottobre 2016 (500 euro ad ospite). Il relativo decreto è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. La misura, secondo gli impegni annunciati dal Ministro dell'Interno Minniti, sarà replicata anche nel 2017. Occorre ricordare che l'attuale numero dei richiedenti asilo ospitati in Basilicata corrisponde allo 0,70 per cento della popolazione censita mentre sono circa 67 i comuni lucani che ospitano, la più alta percentuale in Italia. In particolare, i richiedenti asilo ospitati in Basilicata sono 3 mila di cui 290 minori non accompagnati, 260 in strutture di accoglienza tra appartamenti e centri".

"Nel contempo - prosegue - i residenti stranieri hanno superato le ventimila unità mentre nel 2016 oltre 44 mila lavoratori comunitari e non hanno lavorato nei tre comparti lucani dell'agro alimentare, ciclo delle costruzioni e assistenza agli anziani. Si tratta di una fetta importante della forza lavoro che sostiene l'economia lucana. Di fronte allo sforzo in corso per l'inclusione, la lotta al lavoro nero ed al caporalato sono stati definiti e presentati formalmente ai ministeri dell'Interno, dell'Agricoltura e del Lavoro i progetti che necessitano di ulteriori finanziamenti anche per le attività di qualificazione professionale e di lavoro utile che interesseranno i migranti a partire da tutti richiedenti asilo". "Sono in corso di valutazione - conclude - le storie professionali dei richiedenti asilo, dopo l'invio dei dati da parte delle Prefetture, per iniziare, dopo le sperimentazioni realizzate, le attività con l'Agenzia Regionale del lavoro, l'Università' (Master Mediatori) e sistema scolastico regionale (italiano 2) che comporterà anche l'aumento dell'organico degli insegnanti".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Non vi vergognate a scrivere articoli del genere? Gli stessi posti di lavoro si sarebbero potuti creare aiutando altre categorie deboli , messe pure peggio dei migranti che sbarcano in Italia ... inoltre è assurdo voler cercare di dare un lavoro ed un futuro a questi migranti vista la situazione dell'Italia e degli italiani

  • sono stati creati posti di lavoro come mediatori culturali, interpreti, assistenti socio sanitari, insegnanti. Ma come ? Per tutti quei poveri immigrati neanche qualche massaggiatore ? Neanche qualche estetista ? Neanche qualche barbiere ? Possibile che quei poveretti siano stati abbandonati così ?

  • Articolo pagato da mafia capitale?

  • Questa è una stima per difetto, c'è anche un gran commercio nell'indotto: vendita di droga, grate alle finestre, porte blindate, allarmi, riacquisto di oggetti sottratti e contributi per le pensioni.

  • Io avrei piuttosto finanziato un progetto di aiuto per tutti gli Italiani in difficoltà, ottenendo un doppio risultato: occupazione per gli addetti al lavoro e la soddisfazione di avere aiutato gli ultimi dei nostri,che non sono pochi. Poi se avanzano risorse economiche, aiuterei anche chi viene da fuori,ma comunque non avanzano.

  • "...ci pagheranno le pensioni!" cit. ahahahahhahahahahhahaha!

  • Anche l'sis si stà arricchendo con i soldi che questi pagano agli scafisti: vergogna!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Sul web la "Banca delle visite": prestazioni mediche gratis a chi è in difficoltà

  • Cronaca

    La salute costa cara: è boom della spesa privata in Italia

  • Politica

    Gianfranco Fini, sequestrato un milione di euro all'ex presidente della Camera

  • Politica

    Referendum per l'autonomia della Lombardia: si vota il 22 ottobre

I più letti della settimana

  • Muore durante la festa di un matrimonio: addio al cantante Mario Vitale

  • "Ho troppa voglia", pedofilo cerca di infilare le mani nelle mutande di una bimba

  • Morto il fisico Giovanni Bignami, ex presidente di Asi e Inaf

  • Yara, la perizia sulla felpa: "Forse il corpo non è rimasto tre mesi nel campo di Chignolo"

  • Il dramma di Simone Mazzola: la vertebra fratturata ha lesionato il midollo

  • Delitto di Garlasco, ricorso straordinario di Stasi in Cassazione: "Processo non equo"

Torna su
Today è in caricamento