La sfida di Alberto, in bici dalla Sicilia alla Norvegia: "Voglio superare i miei limiti"

L'impresa di un 30enne siciliano, un viaggio di quasi 7mila chilometri dal Sud al Nord dell'Europa: "Non è soltanto una sfida personale, ma anche un modo per conoscere posti nuovi"

Alberto in una delle fotografie condivise sul suo profilo Facebook

Sant'Agostino diceva ''supera te stesso e supererai il mondo'', una frase presa quasi alla lettera da Alberto Ammendolia, un 30enne siciliano che ha deciso di misurarsi con una grande impresa per scoprire i suoi limiti e superarli. Qual è la sua sfida? Andare in bicicletta dalla Sicilia alla Norvegia, attraversando praticamente l'Europa da Sud a Nord, il tutto potendo contare soltanto sulle sue forze.

Lo scorso 16 aprile Alberto è partito da Milazzo, in provincia di Messina, ed ha iniziato questa avventura fatta di pedalate, sudore e vento tra i capelli, che lo porterà a Capo Nord, la falesia che si trova nel punto più settentrionale della penisola norvegese di Magerøya. Ma cosa ha spinto questo giovane ad affrontare quasi 7mila chilometri da solo in bicicletta? Lo abbiamo chiesto al diretto interessato: ''Sono sempre stato un appassionato di bicicletta – ha raccontato Alberto a Today - ma questa volta avevo bisogno di fare una pausa nella mia vita. Ho messo da parte un po' di soldi, ho lasciato il mio posto di lavoro e ho deciso di mettermi in viaggio. Era circa un annetto che programmavo questa avventura, volevo partire già lo scorso anno, ma non ero pronto economicamente e dovevo ancora acquistare un bicicletta adeguata all'impresa e così ho rimandato. Quest'anno invece era tutto pronto''.

alberto-ammendolia-facebook-bici-2

In un periodo storico in cui i giovani vengono spesso descritti come sfaticati e restii al mettersi in gioco, quello di Alberto è un ottimo esempio di come ognuno di noi sia in grado di saggiare le proprie qualità, serve soltanto la forza di volontà.

''Si tratta di una sfida personale, ma non solo – ha continuato Alberto – L'ho fatto anche per viaggiare un po' ed uscire dalla mia zona di comfort, è un modo per uscire non solo dalla Sicilia, ma anche dall'Italia, così da mettermi alla prova non soltanto fisicamente, ma anche nei confronti di lingue diverse. Infine è anche un ottimo modo per conoscere persone nuove e visitare posti in cui prima non ero mai stato''.

Dopo essere uscito dai confini italiani, il 30enne siciliano è passato per l'Austria e la Repubblica Ceca, prima di arrivare in Germania, dove si trova attualmente. Le prossima tappa sarà la Danimarca, da cui si sposterà verso la penisola scandinava dove dovrà attraversare Svezia e Finlandia per poi 'toccare' il suolo norvegese. Un percorso non semplice, come spiegato dallo stesso Alberto: ''Come ho studiato questa strada? Alla base c'è un percorso che si chiama EuroVelo 7, un tragitto lungo oltre 7mila chilometri che va da Malta alla Norvegia, frutto delle esperienze di diverse persone che hanno dato il loro apporto per modificare e migliorare questa rotta. Ma non è certo una strada dritta e semplice, cambia di continuo, tanto che mi sono trovato spesso di fronte a strade chiuse o sterrate, obbligato a cambiare rotta. Per muovermi uso Google Maps e altre applicazioni che mi servono per controllare il tracciato e le salite che mi aspettano''.

bici-alberto-facebook-2-2

Un'impresa non semplice, che Alberto deve pianificare a piccoli passi, giorno dopo giorno, anche se non sempre questo è possibile: ''Se c'è bel tempo posso programmare prima il percorso da fare, valutando anche in base al numero di salite o di tratti pianeggianti, dove posso arrivare in una giornata. Poi controllo  se ci sono nelle vicinanze ostelli o altre strutture che mi possano permettere di passare la notte al coperto, ma ogni giorno è un'incognita''. Le giornate di Alberto partono con una robusta colazione e poi proseguono sul sellino sui cui pedala dalle 4 ore (quando va male) alle 8 ore, percorrendo una media giornaliera di chilometri che oscilla tra gli 80 e i 120. Uno sforzo fisico non alla portata di tutti, difficile anche per un atleta allenato come Alberto: "Sono sempre andato in bici, ma nell'ultimo anno sono arrivato ad allenarmi anche 3-4 giorni a settimana. Nonostante questo non ero pronto a pedalare ogni giorno su queste distanze. Soprattutto, non ero abituato ad una bici carica di bagagli: la mia porta circa 50 kg tra vestiti, attrezzatura tecnica e da campeggio. Questa è stata una cosa nuova per me, anzi -scherza – se dovessi dare un consiglio a qualcuno che vuole realizzare la mia stessa impresa direi 'parti più leggero'". Sulla sua pagina Facebook Alberto contribuisce a tenere informati tutti i suoi amici e familiari postando foto e video del suo viaggio, oltre a raccontare quello che gli sta succedendo.

Il viaggio di Alberto adesso è entrato nel vivo ma la destinazione è ancora lontana: l'arrivo in Norvegia è previsto tra la fine di luglio e l'inizio di agosto. Intanto possiamo soltanto fargli un grosso in bocca al lupo, e se qualcuno gli chiede cosa farà quando sarà a Capo Nord, lui sorride e ti risponde: "Quando ci arrivo te lo dico".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temptation Island Vip 2019: puntate, coppie e tutte le anticipazioni

  • Michelle Hunziker, il gesto 'contro' Marica Pellegrinelli dopo l'addio a Ramazzotti

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di giovedì 12 settembre 2019: i numeri vincenti

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di oggi sabato 14 settembre 2019: i numeri vincenti

  • Oroscopo Paolo Fox, la classifica della settimana dal 16 al 22 settembre 2019

  • Ambra lascia Kikò Nallì: "Ecco il suo comportamento dopo il Grande Fratello"

Torna su
Today è in caricamento