Assunta Madre, sequestrato per riciclaggio il ristorante dei vip: 6 arresti

Il gestore del famoso ristorante romano Assunta Madre era atteso oggi a Montecarlo dove avrebbe dovuto aprire la nuova sede con Flavio Briatore. Tutto ruoto attorno ad un'inchiesta per riciclaggio portata avanti dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Roma

Mecalusi Francesco uno degli arrestati nell'ambito dell'inchiesta che ha portato alla chiusura del ristorante "Assunta Madre" a Roma, 9 maggio 2017. ANSA/MASSIMO PERCOSSI

ROMA - Ristoranti affollati di vip e relazioni pericolose con i clan, l'accusa di riciclaggio. Si è conclusa con sei arresti tra cui quello del titolare del noto ristorante Assunta Madre, Gianni Johnny Micalusi,  l'operazione "Nettuno" portata avanti dalla Direzione Distrettuale Antimafia. 

Gli agenti della Squadra Mobile di Roma ed i Finanzieri del Nucleo Speciale Polizia Valutaria della Guardia di Finanza hanno eseguito questa mattina gli arresti in esecuzione di un’ordinanza emessa dal giudice per le indagini preliminari di Roma su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia.

Assunta Madre, tempio del pesce fresco alla romana, era divenuto un brand internazionale. Gianni Micalusi, 54enne imprenditore ittico di Terracina, aveva aperto altri "Assunta Madre" a Milano, Londra e Barcellona e stava studiando di sbarcare pure a New York. Proprio oggi Micalusi doveva andare a Montecarlo ad aprire "Assunta Madre" con Flavio Briatore, risultato totalmente estraneo ai fatti.

"L'economia malata che ruota intorno a questi personaggi, ai colletti bianchi, muove interessi creando di fatto delle situazioni che ostacolano l'imprenditoria sana. Roma - spiega Michele Prestipino, procuratore aggiunto della Procura capitolina -  è centro di interesse mondiale per appartenenti alla criminalità organizzata e non. In questo caso abbiamo un personaggio importante e conosciuto, Gianni Micalusi, detto "Jonny". Riguardo alla sua figura va detto che è stato coinvolto in passato per reati di tipo economico e fallimentare e reati inerenti alla criminalità organizzata. Micalusi, è stato documentato in passato, intratteneva rapporti con soggetti di assoluto spessore criminale come Senese Michele e Senese Angelo, Zizzo Angelo ed anche con il famoso Enrico Nicoletti (appartenete alla notissima "banda della Magliana")". 

I ristoranti non resteranno chiusi, ma saranno affidati ad un amministratore giudiziario per tutelare i posti di lavoro.

assunta madre video-2

Assieme a Gianni Micalusi detto 'Johnny', classe 1964, patron del locale sono stati arrestati Adriano Nicolini, Vito Francesco Genovese, Luciano Bozzi, e i figli Francesco e Lorenzo Micalusi. Per tutti l'accusa è dei reati di intestazione fittizia di beni, riciclaggio e autoriciclaggio di denaro di provenienza illecita.

Sequestro preventivo di quote sociali e complesso aziendale delle società: Assunta Madre, con sede a Roma in via Giulia 14; la societa' di commercio all'ingrosso e dettaglio di prodotti ittici, con sede a Roma in Marmorata 67, il Centro ittico Laziale s.r.l. societa' di commercio all'ingrosso e dettaglio di prodotti ittici, con sede a Roma in via Marmorata 69; Papa Giulio s.r.l. societa' di gestione e conduzione di esercizi pubblici e di ristorazione, con sede a Roma in via S. Eligio 19.

Le indagini hanno permesso di accertare come Micalusi, grazie alla collaborazione dei propri figli, utilizzati quali "teste di legno", nonchè da professionisti che hanno garantito l'apporto tecnico necessario per realizzare un'articolata rete societaria, sia riuscito formalmente a non apparire quale titolare delle attività. Decisiva la figura, secondo gli investigatori, di Adriano Nicolini, direttore di una filiale romana della Banca del Fucino, che ha aiutato Micalusi in varie operazioni ad evitare la tracciabilità delle operazioni.

Nella "lavatrice" di soldi proventi da attività illecite sarebbero stati così "puliti" ben 888.244,36 euro Significativo in tal senso il contenuto di alcune intercettazioni del Micalusi, da cui si evince che il successivo passo sarebbe stato: "Fare un'operazione a Montecarlo seria e importante..". Gli accertamenti bancari effettuati dai militari del Gruppo Investigativo Antiriciclaggio sui conti correnti della rete delle societa' e dei prestanome, hanno permesso di ricostruire i flussi finanziari, rilevando come i proventi illeciti siano stati riciclati in attivita' imprenditoriali ed immobiliari.

Continua a leggere su Roma Today

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto, due novità importanti in arrivo dal 1° gennaio 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e SuperEnalotto: estratto il 5+1 da mezzo milione. I numeri di martedì 3 dicembre 2019

  • Scoperto "esercito" di badanti evasori totali: alcuni prendevano pure la disoccupazione

  • Omicidio Nadia Orlando, Francesco Mazzega si è tolto la vita nel giardino di casa

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 5 dicembre 2019

  • Loredana Bertè: "Abbiamo nascosto in soffitta Mimì per un anno"

Torna su
Today è in caricamento