"Ho visto gli attentatori di Barcellona", il racconto di Alessio

Alessio Stazi è a Barcellona: "È stato terribile. É stato terribile percepire di essere nel mirino, puntato dal camion, é stato terribile vedere persone colpite volare via di fronte a me, é stato terribile scappare via con la paura di essere uccisi"

Decine di morti e feriti, il drammatico bilancio, ancora provvisorio, dell'attentato che ha visto intorno alle 17 un furgone gettarsi sulla folla sulla Rambla di Barcellona nell'area pedonale all'altezza di Piazza Catalunya.

L'autore dell'attentato ed un sospetto complice sarebbero asserragliati in un ristorante turco "La Luna di Istanbul" insieme ad ostaggi, riferiscono sempre i media iberici.

Isis rivendica l'attentato a Barcellona: un italiano tra i 13 morti

A Barcellona c'era anche un italiano, Alessio Stazi, questo il suo racconto

"Sono chiuso in un bar ad un paio di km dalla rambla, tutto si sta svolgendo a pochi metri da casa mia e per questo non posso tornare a casa ed ho poca batteria per rispondere a telefonate e messaggi.

È stato terribile. É stato terribile percepire di essere nel mirino, puntato dal camion, é stato terribile vedere persone colpite volare via di fronte a me, é stato terribile scappare via con la paura di essere uccisi, é stato terribile chiudersi in un negozio pensando che se gli attentatori lo avessero assaltato saremmo stati senza scampo. È terribile ora non capire cosa succede, non sapere da dove iniziare a chiamare tutti quelli che conoscono che vivono qui.

Al momento ho una rabbia infinita che non sa spiegare come si possa attentare così alla vita umana; ma allo stesso tempo una rabbia infinita verso la polizia spagnola che sta sulla Rambla, precisamente quelle pattuglie, sempre pronte e presenti per una quantità infinita di stronzate: dal pischelletto che va in giro in bici sulla rambla, al turista che beve una bottiglia, al pakistano che vende selfiestick, quello che tira la cartaccia, al ragazzo di colore che non può vendere un paio di scarpe come se fosse un crimine... e quando si tratta di fermare un camion che investe chiunque non c'è stato un poliziotto che lo ha fermato all'inizio della rambla o abbia sparato un solo colpo prima che iniziasse ad investire gente.

Uno shock".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Come ci si può difendere da questi vili attacchi? ci può essere un posto al sicuro dove potersi godere la vita? come stanno andando le cose mi sa di no, credo che i corsi pieni di persone debbano avere delle protezioni per questo tipo di attacchi. Chi si immaginava che oggi dovevamo convivere con questo orrore?