''Leonardo è stato ucciso'', fermati la mamma e il compagno

Dall'autopsia sul corpo del bimbo di due anni, morto giovedì a Novara, sono emersi segnali di violenze. L'accusa per i due fermati è di omicidio pluriaggravato. L'uomo si trova in carcere, mentre la donna è ai domiciliari in una comunità protetta poiché è incinta

Foto di repertorio

''Il corpicino del piccolo è stato martoriato: è omicidio'', la Procura di Novara non ha dubbi. Per questo motivo nella serata di ieri sono stati fermati la mamma del bimbo di quasi due anni, morto nella mattina di giovedì 23 maggio, e il compagno della donna. Per entrambi l'accusa è di omicidio pluriaggravato. L'uomo è rinchiuso nel carcere di Novara, la donna invece è ai domiciliari in una comunità protetta poiché è incinta. La coppia era già stata iscritta ieri nel registro degli indagati.

Bimbo morto a Novara, per la Procura è omicidio

Per la Procura non ci sono dubbi: si tratta di omicidio. "Il corpicino del piccolo è stato martoriato - dice Mineccia - Le rilevanze medico legali non lasciano dubbi sul fatto che si sia trattato di un'azione violenta da parte di terzi". Dall'autopsia è emerso che al bimbo sono stati inferti colpi a mani nude e calci. A causare la morte sarebbe stato uno shock emorragico traumatico da scoppio del fegato, dovuto ad una compressione violenta, uno schiacciamento e un calpestamento, non compatibile con la caduta dal lettino, come avevano inizialmente sostenuto la madre e il compagno di lei.

Sul corpo i segni delle violenze

Come riporta NovaraToday, il trauma che ha portato alla morte non è l'unico che è stato evidenziato dall'autopsia: il piccolo presentava ematomi traumatici e ferite su capo, torace, dorso e addome, oltre a fratture multiple al bacino. All'inzio di aprile Leonardo era già stato portato al pronto soccorso per un morso di un cane, ferita poi risultata incompatibile con quello che raccontavano la madre e il compagno. Emerge quindi anche una situazione di maltrattamenti e violenze in famiglia. "Questo omicidio si situa in un quadro di maltrattamenti - ha spiegato Mineccia - Ora emergono altri particolari dalle persone vicine alla famiglia che avevano notato un disagio nel bambino".

Bimbo morto a Novara, la mamma ha chiamato i soccorsi

A chiamare i soccorsi era stata la mamma del piccolo, l'unica insieme al compagno che si trovava in casa al momento dell'accaduto. Inutili però erano stati i tentativi di soccorso dei sanitari del 118: il bimbo infatti era giunto in ospedale privo di vita. Agli investigatori la coppia aveva riferito che il bimbo era caduto dal lettino, una versione che però non aveva convinto gli inquirenti. A confermare che le ferite riportate dal bimbo non erano compatibili con una caduta è stata l'autopsia eseguita ieri nel tardo pomeriggio. Per i due, che sentiti dagli investigatori si sono avvalsi della facoltà di non rispondere, la procura ha chiesto la convalida dei fermi.

Potrebbe interessarti

  • Sintomi, rimedi ed esercizi contro il dolore alla cervicale

  • Quando lo zenzero fa male

  • Formiche, i metodi naturali per allontanarle da casa

  • Tonno, come riconoscere quello di qualità (e quanto mangiarne)

I più letti della settimana

  • Saldi estivi 2019, tutte le date regione per regione: il calendario completo

  • Tina Cipollari pazza d'amore, regalo super lusso per i 50 anni di Vincenzo Ferrara (FOTO)

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di giovedì 20 giugno 2019

  • Temptation Island 2019: puntate, anticipazioni e coppie

  • Autostrade, rivoluzione pedaggi al via: che cosa cambia con il nuovo sistema

  • Incidente tra auto e camion: morti tre amici, tutti giovanissimi

Torna su
Today è in caricamento