Camorra, stangata ai clan: blitz di polizia e carabinieri, 12 arresti

Fermati i presunti autori dell'omicidio avvenuto lo scorso 9 aprile davanti ad una scuola di Napoli

Foto di repertorio ANSA

Blitz di polizia e carabinieri a Napoli. Questa mattina è stato assestato anche un duro colpo al clan D'Amico-Mazzarella. Sette persone, ritenute affiliate all'organizzazione criminale, sono state fermate perché ritenute coinvolte nell'omicidio di Luigi Mignano, 57 anni, avvenuto lo scorso 9 aprile davanti ad una scuola di Napoli. Le persone fermate sono accusate dell'omicidio di Luigi Mignano avvenuto lo scorso 9 aprile davanti ad una scuola.

E un'ordinanza di custodia cautelare è scattata anche nei confronti di 5 appartenenti al clan camorristico Formicola per gli omicidi dei fratelli Massimo e Salvatore Petriccione avvenuti il 29 giugno 2002 e l'8 marzo 2004.

IRRUZIONE A CASA DI UNO DEI SOGGETTUI DA ARRESTARE-2-2

Il raid contro Mignano

Luigi Mignano fu vittima di un raid mentre era con il figlio Pasquale, rimasto ferito, e il nipotino che stavano accompagnando a scuola. L'agguato fu stigmatizzato anche dal presidente della Repubblica, in visita a Napoli il 13 aprile. Mattarella si recò infatti sui luoghi dell'omicidio nella parrocchia San Giuseppe e Madonna di Lourdes nel Rione Villa, a pochi passi all'incrocio tra via Sorrento e via Ravello.
Per Matteo Salvini il blitz di questa mattina è "una risposta concreta" alla Camorra. "Lo Stato c'è - ha detto il minstro, si fa sentire, non dà tregua ai boss. Ed episodi come quello di ieri non resteranno impuniti. Vinceremo noi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E non è tutto. Secondo quanto rccontano oggi Il Mattino e il Corriere del Mezzogiorno dopo Nicola Schiavone, figlio di "Sandokan", un altro erede di un boss avrebbe deciso di collaborare con la giustizia. Si tratterebbe di Raffaele Bidognetti, 45 anni di Parete (Caserta) figlio di un altro boss, Francesco Bidognetti conosciuto come "Cicciotto e mezzanotte" . Condannato a due ergastoli definitivi per i delitti Di Fraia e Caiazzo, Bidognetti jr. è stato detenuto al 41 bis nel carcere di massima sicurezza di Sassari e poi Benevento.

Bimba ferita in una sparatoria a Napoli: "Condizioni estremamente gravi"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Heather Parisi: "La seconda quarantena a Hong Kong? Ecco come stanno davvero le cose"

  • Coronavirus, dagli alimenti alle banconote: a cosa stare attenti quando facciamo la spesa

  • Coronavirus, l'appello disperato di Linda da Londra: "Ci lasciano morire soli a casa come animali"

  • Coronavirus, perché i contagi restano stabili: "Il paradosso del plateau"

  • Coronavirus, Renga: "Nella mia Brescia una tragedia, i nonni non ci sono più"

  • Coronavirus, medico muore a 61 anni. L'ultimo post su fb: "Non uscite, è l'unica arma che avete"

Torna su
Today è in caricamento