Farmaci non disponibili, è allarme europeo: a Firenze "chemio" sospesa per 25 pazienti

Il caso scoppiato in primavera per l'introvabile farmaco anti-Parkinson era solo la punta dell'iceberg. Come denunciano i farmacisti le carenze riguardano anche medicine di uso comune. L'Aifa sta studiando il problema ma ancora non è nota la causa

La mancanza di farmaci è un tema delicato da anni, ma negli ultimi tempi sta diventando un problema che, come ammette lo stesso direttore dell'Aifa, è "in aumento esponenziale". Se la carenza del farmaco anti-Parkinson Sinemet aveva raggiunto la massima visibilità grazie ad un servizio televisivo di Striscia la notizia andato in onda mercoledì 24 aprile, ancora più inquietante la vicenda che ha colpito 25 pazienti oncologici dell'ospedale Careggi di Firenze costretti a sospendere la chemioterapia per la mancanza di mitomicina, un farmaco che risulta al momento non disponibile in Italia. 

Ora lo si dovrà acquistare all’estero ad un prezzo dieci volte più caro: 300 euro anziché 30 a confezione. "Credo che ci troveremo di fronte a questo tipo di problematiche abbastanza frequentemente" avverte Rocco Damone, direttore generale dell’Azienda ospedaliera universitaria fiorentina. Ed infatti una identica richiesta del farmaco chemioterapico  è stata avanzata al sistema sanitario nazionale anche dall'ospedale pisano di Cisanello.

La mitomicina fa infatti parte di un elenco di farmaci carenti stilato dall'Agenzia italiana del farmaco. "Se c'è qualcuno che specula deve essere individuato e penalmente perseguito - ha spiegato il governatore toscano Enrico Rossi - Il Piemonte ha già  denunciato alla procura della Repubblica un fatto analogo: noi faremo una nostra denuncia alla procura".

"A gennaio il tema è stato denunciato da Aifa: risulterebbe che ci sia un gioco di aziende farmaceutiche multinazionali che, quando immettono sul mercato un farmaco nuovo, tolgono il farmaco di vecchia generazione. Credo che il governo nazionale debba intervenire: se si fa questo giochetto a danno della salute dei cittadini, una legge dovrebbe riordinare questa materia". Inoltre, ha sottolineato il governatore, "c'è qualche grossista che compra i farmaci all'estero, e anziché rifornire il mercato italiano e il Servizio Sanitario Nazionale, li rivende all'estero per guadagnare di più".

Mancano farmaci, l'allarme dell'Aifa

Il problema è stato affrontato anche all'assemblea pubblica di Farmindustria dallo stesso direttore generale dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa), Luca Li Bassi: "Il problema delle carenze di farmaci sta aumentando in tutti i Paesi europei in maniera esponenziale e non abbiamo la percezione giusta di tutte le ragioni che provocano il fenomeno. In qualche caso si tratta di interesse commerciale legato alla differenza di prezzo, ma non è l'unico driver di questo problema".

"Il problema della carenza di farmaci è emergenziale e riguarda centinaia, se non migliaia di prodotti, in tantissimi paesi dell'Unione Europea".

Il problema delle carenze, ha spiegato Li Bassi, è stato riaffrontato anche dal cda di dell'Agenzia Europea del Farmaco (Ema).  A parlare di prezzi lo scorso giugno era stato Michele Di Iorio, presidente di Federfarma Napoli che in una lettera inviata al Corriere della Sera aveva auspicato l’introduzione della pratica del "dual price" dando mandato all'Aifa di attribuire ai medicinali il prezzo medio europeo, salvo poi negoziare a ribasso con industrie e farmacie unicamente quello per il rimborso al servizio sanitario nazionale garantendo la sostenibilità del bilancio pubblico.

"In tal modo le industrie farmaceutiche, i distributori intermedi europei e gli stessi farmacisti delle altre nazioni comunitarie non avranno più nessun interesse ad acquistare farmaci destinati al mercato italiano".

Per affrontare il problema dei farmaci non reperibili il ministro della Salute Giulia Grillo lo scorso 2 luglio aveva convocato  le istituzioni e gli attori della filiera farmaceutica.

Carenze farmaci, l'Aifa rassicura i pazienti

mancanza farmaci ansa-2

In una nota pubblicata dall'Aifa, il direttore generale dell'ente vuore rassicurare i pazienti spiegando come in Italia esistano reti di tutela.

"I casi in cui la mancanza di un farmaco genera un reale disagio sono una parte davvero minoritaria sul totale registrato come carente, e comunque resta un fatto il più delle volte temporaneo - spiega Luca Li Bassi, direttore generale di Aifa - Esistono quasi sempre farmaci equivalenti o valide alternative terapeutiche. Il problema delle carenze però esiste ed è molto complesso, riguarda soprattutto la produzione, ma anche questioni legate alla distribuzione".

"È banale ridurre a una questione di prezzo il problema delle carenze dei farmaci. Se dipendesse dal solo fatto che in Italia secondo alcuni costano meno, e per questo i prodotti spariscono dal mercato nazionale, non si spiegherebbe il perché in Svizzera, dove costano tanto e ci sono le sedi di molte multinazionali, ne mancano oltre 500. Può essere una delle ragioni ma non è certamente l’unica causa".

"I pazienti non devono allarmarsi- rassicura il segretario della Federazione dei medici di famiglia (Fimmg) Silvestro Scotti - ma resta alta la preoccupazione per alcune tipologie di farmaci che, invece, non hanno possibili equivalenti o sostitutivi di emergenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto, due novità importanti in arrivo dal 1° gennaio 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e SuperEnalotto: estratto il 5+1 da mezzo milione. I numeri di martedì 3 dicembre 2019

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 28 novembre 2019

  • La truffa del sì, occhio alle bollette: come reagire al raggiro

  • Scoperto "esercito" di badanti evasori totali: alcuni prendevano pure la disoccupazione

  • Omicidio Nadia Orlando, Francesco Mazzega si è tolto la vita nel giardino di casa

Torna su
Today è in caricamento