Si autoproclama Re e fa causa allo Stato per dividere la Sicilia

Nella causa, arrivata fino alla Cassazione, l'uomo ha anche chiesto che l'Italia comunicasse all'Onu la decisione affinchè fossero inviati ispettori per coordinare la transizione. Lui, fino alle elezioni, sarebbe stato il reggente

ROMA - A torto o ragione, lui ci credeva. E forse, sotto sotto, ci aveva anche sperato. Tal Giuseppe Mignemi, signore siciliano dalla velleità secessioniste, ha portato in Cassazione lo stato Italiano affinchè riconoscesse la separazione della Sicilia. Sì, da un lato la "Sicilia occidentale: indipendente e neutrale". Dall'altro, la "Sicilia orientale: autonoma a statuto incompleto da sessant'anni per ostruzionismo e complotto politico del governo unitario accentrato a Roma". 

Lo stesso governo che Mignemi ha sperato di battere in Tribunale almeno fino a quando la Cassazione lo ha dichiarato "sconfitto" perché ai tre gradi di giudizio si era presentato senza un avvocato. Nella sentenza pubblicata oggi, la Corte ha ripercorso punto per punto l'ardito, a dire poco, piano del secessionista nostalgico. 

"Il ricorrente - scrivono i giudici - chiedeva che in via giudiziaria fosse riconosciuta la condanna dell'Italia a comunicare alle Nazioni Unite la sentenza, affinchè la comunità internazionale potesse inviare degli ispettori per accompagnare la transizione. Lui stesso si sarebbe riconosciuto reggente provvisorio della Sicilia orientale e dopo sei mesi avrebbe proclamato le elezioni". Tutto, insomma, era già organizzato per il meglio. 

Il nuovo Stato sarebbe stato fuori dalla moneta unica e le tasse sarebbero confluite nelle casse del "Nuovo Stato Sovrano, in pace con il resto del paese". "Chiede - continua la ricostruzione della Corte - anche alla Cassazione di riconoscere l'ordine di sfratto alla base navale dei Sigonella, che sarebbe diventata un aeroporto civile". Il ricorso si conclude, poi, con la richiesta di citazione dell'ex presidente della Regione Raffaele Lombardo e dell'ex premier Silvio Berlusconi, nonchè del presidente degli Stati Uniti Barack Obama. 

Nemici potenti per uno Stato appena nato. Ma tant'è: la Sicilia non sarà mai divisa in due, almeno fino al prossimo secessionista, perché Mignemi si è presentato senza un avvocato. "La presenza di un avvocato è necessaria - scrive la Suprema Corte - da un lato per la complessità delle norme e il tecnicismo nella redazione degli atti che richiedono la preparazione di un tecnico, dall'altro perchè la collaborazione di un esperto serve a filtrare il processo dalle emozioni e dalla passionalità dei diretti protagonisti delle lite e che potrebbero privarli delle necessaria lucidità". Lucidità, forse, mai esistita. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • A questo punto mi sorge una domanda: e se invece avesse avuto un (bravo) avvocato?

  • Avatar di Ale
    Ale

    Ma c'è o ci fà? Consiglio di cambiare spacciatore!

Notizie di oggi

  • Politica

    Legge elettorale, Grillo: "Sì al sistema tedesco, si voti il 10 settembre"

  • Politica

    Think tank, le 100 fondazioni che stanno cambiando la politica italiana

  • Sport

    La Roma soffre fino al 90esimo poi inizia la festa del "Totti day"

  • Sport

    Giro d'Italia, vince l'olandese Tom Dumoulin: sua la maglia rosa sul traguardo di Milano

I più letti della settimana

  • Muore durante la festa di un matrimonio: addio al cantante Mario Vitale

  • "Ho troppa voglia", pedofilo cerca di infilare le mani nelle mutande di una bimba

  • Morto il fisico Giovanni Bignami, ex presidente di Asi e Inaf

  • Yara, la perizia sulla felpa: "Forse il corpo non è rimasto tre mesi nel campo di Chignolo"

  • Il dramma di Simone Mazzola: la vertebra fratturata ha lesionato il midollo

  • Delitto di Garlasco, ricorso straordinario di Stasi in Cassazione: "Processo non equo"

Torna su
Today è in caricamento