L'uso scorretto del cellulare causa il tumore: dal tribunale di Ivrea una sentenza storica

Il giudice del lavoro del Tribunale di Ivrea ha riconosciuto che il neurinoma che ha colpito un dipendente di una azienda che per lavoro utilizzava il cellulare più di 3 ore al giorno, è stato causato proprio dall'uso scorretto del telefonino

L'inchiesta de Le Iene andata in onda 4 anni fa

IVREA (Torino) -  Per la prima volta al mondo un Tribunale ha riconosciuto il nesso di causa tra uso improprio del cellulare e tumore al cervello. La sentenza di primo grado del Tribunale di Ivrea ha stabilito la correlazione tra il prolungato utilizzo del telefono cellulare e la comparsa di un neurinoma.

Il cancro, nella fattispecie un neurinoma, ha colpito un dipendente di una azienda di telecomunicazioni che, per quindici anni, ha utilizzato dalle tre alle quattro ore al giorno il cellulare. Il tumore è stato diagnosticato nel 2010, dopo una persistente sensazione di orecchio tappato.

 "Per quindici anni ho utilizzato il cellulare anche 3-4 ore al giorno, a casa e in macchina, senza gli auricolari. Poi, nel 2010, ho cominciato ad avvertire una persistente sensazione di orecchie tappate - racconta Roberto Romeo, 57 anni - Per fortuna si tratta di un tumore benigno, ma comunque invalidante. Ho subito l'asportazione del nervo acustico e oggi non sento più dall'orecchio destro".

Il verdetto è stato emesso dal giudice Luca Fadda del tribunale di Ivrea l’11 aprile che ha condannato l'Inail a corrispondere una rendita vitalizia da malattia professionale al dipendente di circa 500 euro al mese per tutta la vita della vittima a cui Il consulente tecnico d'uffici ha riconosciuto un danno biologico permanente del 23%. "Ora crediamo sia necessario riflettere su questo problema e adottare le giuste contromisure" affermano gli avvocati Renato Ambrosio e Stefano Bertone. L’effetto cancerogeno delle onde elettromagnetiche del telefonino era già stato riconosciuto sin dal 2011 dalla Iarc che aveva inserito questo dispositivo nella categoria 2b.

Lo studio legale degli avvocati Ambrosio e Commodo, esperti in risarcimento del danno, avevano già intentato una causa alcuni anni fa “che è ancora giacente al Tar” per imporre al ministero una campagna di informazione sui rischi legati al cellulare. "Sono soprattutto i bambini e le donne in gravidanza a essere più vulnerabili” spiega ancora l’avvocato Bertone. "La popolazione deve essere avvisata perché basta usare il telefono con l’auricolare o a una certa distanza per poter abbassare i rischi".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Forunatamente non sono telefonino dipendente ne posseggo ben 2 se rimango tanto al telefono saranno 30 minuti al mese forse se ci rimani più di 10 minuti senti che ti si scalda la faccia e anche l'orecchio, io uso di solito sempre il fisso tanto se usi l'auricolare o il viva voce ti fa male da qualche altra parte conosco un giovane che lo usa molto per chatt ecc e a lungo andare gli è venuto uun tumore alla mano guardo caso coincidenza? non credo!

  • Avatar anonimo di Like
    Like

    Che queste onde sempre più potenti per ampliare i segnali siano nefaste per il nostro cervello è innegabile, pertanto li usiamo molto raramente e giusto per un messaggio veloce o per un S.O.S., poi il "mi ami quanto mi ami" con il telefono fisso prova il vero amore l'uno per l'altro.

Notizie di oggi

  • Mondo

    Barcellona, morti due giovani italiani. Polizia: "Attentatori preparavano attacco più vasto"

  • Mondo

    Camion e auto sulla folla, da Nizza a Barcellona scia di terrore senza fine

  • Mondo

    Finlandia, persone accoltellate in strada a Turku: due morti

  • Mondo

    Germania, attacco con coltello in strada: un morto e un ferito

I più letti della settimana

  • "Trattata come una bestia e insultata mentre partorivo": la denuncia di una madre

  • "Fate benzina e dopo qualche chilometro l'auto si ferma? C'è acqua nel carburante"

  • Telefona alla madre poco prima dell'attentato: "Qui è rischioso, ci spostiamo"

  • Allarme due euro falsi, boom di sequestri: il trucco per non farsi ingannare

  • Schianto in moto, addio al giovane chef Raffaele Casale: aveva 28 anni

  • Comitiva di duecento turisti in ospedale: intossicati dal pranzo di Ferragosto

Torna su
Today è in caricamento