Il circo è in crisi: crollano spettacoli, spettatori ed investimenti

Tra il 2010 e il 2015 -11% di spettacoli, -5% di spettatori, -9% di contributi pubblici, azzerati gli investimenti. E l’Italia è uno dei pochi Paesi ancora senza una legge sull'impiego degli animali nel settore circense, si afferma il Circo Contemporaneo

Il settore circense ha subito un calo tra il 2010 e il 2015 che ha riguardato sia il numero di spettacoli rappresentati (-11%, più sensibile al Centro: -29%), sia il numero di spettatori (-5%, in particolare nel Nord-Est: -42%). Sono diminuiti del 9% anche i contributi destinati alle attività circensi dal Fondo unico per lo spettacolo. Si sono quasi dimezzati i contributi a favore dei circhi con animali (-46%) e si sono azzerati i finanziamenti relativi ai nuovi investimenti.

La spesa al botteghino è aumentata del 21% a livello nazionale, ma solo grazie al volano di Expo 2015, che con Le Cirque du soleil ha influito sull'aumento dei ricavi al Nord-Ovest, mentre sono diminuiti in tutte le altre aree geografiche. È quanto emerge dallo studio realizzato dal Censis in collaborazione con la Lav sul mondo circense in Italia e sul possibile impatto della legge di riforma del settore.

Spesi 14 milioni nell'ultimo anno per gli spettacoli circensi. Nell'ultimo anno si sono spesi più di 14 milioni di euro per assistere a spettacoli circensi. La spesa al botteghino è cresciuta a livello nazionale del 21% tra il 2010 e il 2015, ma l’incremento è determinato in parte dall'aumento del costo medio del biglietto, che è passato negli ultimi cinque anni da 10,7 a 13,1 euro. Il calo della spesa ha coinvolto tutte le aree geografiche (Nord-Est -59%, Centro -45%, Sud -13%), ad eccezione del Nord-Ovest (+314%). Cali importanti in Emilia Romagna (-76%), Toscana (-70%), Friuli Venezia Giulia (-64%). Aumento esponenziale di biglietti staccati in Lombardia (+584%), prima regione per spesa al botteghino, con 7.162.000 euro nel 2015.

L’Italia ancora senza una legge sull’impiego degli animali nei circhi. Il Disegno di legge per la riforma del settore sta completando l’iter di approvazione cominciato un anno fa ed è all’esame del Senato. L’Italia al momento non è dotata, né a livello nazionale né a livello locale, di una normativa che regolamenti l’utilizzo degli animali nei circhi. Su 53 Paesi europei ed extraeuropei esaminati, solo 5 non hanno ancora alcun tipo di legislazione riguardante l’impiego di animali nei circhi. In Europa, Bosnia e Herzegovina, Cipro, Grecia, Lettonia e Malta hanno vietato l’uso di tutti gli animali nei circhi (Bolivia e Honduras nel resto del mondo). 

QUANTI SONO I CIRCHI IN ITALIA?

Molte stime, poche certezze su numero e tipologia di circhi operanti in Italia: settore “liquido” e mutevole. Un dato certificato e forse il più prossimo alla realtà è quello fornito dalla SIAE, relativo tuttavia al numero di “organizzatori” che nell’anno 2015 hanno svolto attività riconducibile al genere di manifestazione “B7 – Circo”, che ammonta a 151 soggetti (in tale numero sono inclusi tutti i soggetti che hanno dichiarato introiti alla SIAE. Ma non sempre la figura dell’organizzatore corrisponde a un’unica struttura circense, in quanto una stessa struttura può essere utilizzata da più operatori).

Il registro dell’Ente Nazionale Circhi (fondato nel 1948 quale unica associazione di categoria di questo settore esistente in Italia) segnala che al 2015 i circhi associati sono 43: è importante sottolineare che l’ENC non prevede l’obbligatorietà dell’iscrizione.

QUANTI ANIMALI NEI CIRCHI?

Sono circa 2.000 gli animali detenuti nei circhi Italiani. Una stima della LAV datata tuttavia 2010: di questi si contano 400 tra cavalli, pony, asini, circa 50 zebre; ma anche 140 cammelli e dromedari, 60 lama, 9 giraffe, 6 rinoceronti, 20 ippopotami, 50 elefanti,160 tigri, comprese tigri bianche e rosa, 60 leoni.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Con questa crisi tutte le attivita' anno subito calo quando il denaro scarseggiale prime cose che si fa ammeno e il divertimento.

Notizie di oggi

  • Elezioni europee 2019

    Una settimana al voto: cosa succede nell'Europarlamento in caso di Brexit

  • Politica

    Decreto sicurezza bis e diritti umani, Salvini all'Onu: "Fa ridere, è da scherzi a parte"

  • Economia

    Reddito di cittadinanza, cambia (quasi) tutto: cosa si potrà acquistare

  • Cronaca

    Cosenza, detenuto evaso dal carcere: è caccia allʼuomo

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2019, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Elezioni europee 2019, la guida al voto: tutto quello che c'è da sapere

  • Meteo, ecco il caldo (e sarà rovente): c'è la data

  • Era scomparsa da due mesi: trovata morta nel bagagliaio dell'auto

  • Matrimonio Pamela Prati, Georgette crolla: "Ho ricostruito il puzzle. Ora ho paura"

  • Meteo, sorpresa "amara": ecco quando arriva finalmente il caldo

Torna su
Today è in caricamento