Coronavirus, la circolare del Viminale: nuova stretta agli spostamenti

Per scongiurare spostamenti in ambito nazionale viene sospesa la possibilità di rientrare presso il proprio domicilio, abitazione o residenza (salvo comprovate esigenze). Lo si legge in una circolare del Ministero dell'Interno ai prefetti

Per contenere l'epidemia di coronavirus e per chiarire i divieti e le disposizioni adottati dal Governo, il ministero dell'interno ha inviato una circolare ai prefetti in cui si leggono alcune delucidazioni particolarmente importanti. In primis si legge come "per scongiurare gli spostamenti in ambito nazionale" il Viminale sospende la possibilità di "rientrare presso il proprio domicilio, abitazione o residenza" (salvo comprovate esigenze). Ma andiamo per ordine:

  • sono sospese tutte le attività produttive, industriali e commerciali, fatta eccezione per quelle indicate nell’allegato 1 al decreto del 22 marzo 2020. Le attività produttive sospese possono continuare a svolgersi se organizzate in telelavoro;
  • l’operatore economico devono comunicare al Prefetto della provincia ove è ubicata l’attività produttiva la continuità delle filiere delle attività indicando specificamente le imprese e le amministrazioni beneficiarie dei prodotti e servizi attinenti alle attività consentite.
  • sempre secono le modalità di telelavoro opereranno gli impiegati statali fino al termine dell'emergenza;
  • le attività professionali non sono sospese ma devono rispettare le raccomandazioni del punto 7 dell'articolo 1 del dpcm 11 marzo.
  • In merito agli spostamenti si ribadisce il divieto per tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privati dal comune in cui attualmente si trovano.
  • Sono sospesi gli spostamenti che consentivano il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.
  • Gli spostamenti rimangono consentiti solo per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute.
  • Si raccomanda l’effettuazione di spostamenti all’interno del medesimo comune solo se motivati da comprovate esigenze.
  • I pendolari potranno continuare a spostarsi da un Comune all'altro quotidianamente.
  • Sarà possibile uscire dal proprio Comune per fare la spesa se il punto vendita più vicino alla propria abitazione sia nel territorio del Comune limitrofo

Tra gli esempi citati rimangono consentiti "gli spostamenti per esigenze lavorative in mancanza, nel luogo di lavoro, di una dimora alternativa a quella abituale", o "gli spostamenti per l’approvvigionamento di generi alimentari nel caso in cui il punto vendita più vicino e/o accessibile alla propria abitazione sia ubicato nel territorio di altro comune".

Circolare dpcm 23 marzo 2020 (pdf)

Come informa la circolare le misure introdotte saranno efficaci sull’intero territorio nazionale dalla data odierna fino al prossimo 3 aprile

Intanto sono 228.550 le persone controllate e oltre 10mila quelle denunciate dalle forze di polizia secondo i dati diffusi dal Viminale e relativi alla giornata di ieri 23 marzo 2020. In particolare, sono 9.949 le persone denunciate ex art. 650 cp per violazione delle misure di contenimento del contagio e 193 quelle denunciate per false dichiarazioni. Gli esercizi commerciali controllati sono stati invece quasi 88mila (87.558), denunciati 103 esercenti e sospesa l'attività di 25 esercizi commerciali.

Cambia di nuovo l'autocertificazione: ecco il nuovo modulo

È​ disponibile on line il nuovo modello di autodichiarazione per gli spostamenti, modificato sulla base delle nuove disposizioni introdotte dal dpcm 22 marzo 2020: ecco il modello di autodichiarazione aggiornato. L'autocertificazione deve essere cartacea, per chi non potesse stamparla è consentito di scriverla a penna.

La Polizia inoltre ricorda che l'autocertificazione può essere compilata anche al momento del controllo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto è iniziato a Palazzo Chigi il Consiglio dei ministri chiamato a varare con un nuovo decreto un inasprimento delle norme anti-furbetti, con balzelli, per chi aggira le regole, fino a 4mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la fidanzata di Dybala rompe il silenzio: "Tosse e dolori al corpo, sensazione perenne di disagio"

  • Belen contro Barbara d'Urso: l'affondo durante una diretta su Instagram

  • Domenica In, Roby Facchinetti annulla l'ospitata: "Bergamo è la mia città, sono devastato dal dolore"

  • Coronavirus, quale mascherina bisogna usare

  • Coronavirus, come sono cambiati i trasporti pubblici durante l'epidemia

  • Coronavirus, dalla suola delle scarpe alle verdure: i chiarimenti dell'Iss

Torna su
Today è in caricamento