Positivo al coronavirus muore a 33 anni: disposta l'autopsia

Il ragazzo, residente in una palazzina popolare del Quarticciolo, è la vittima più giovane del Covid-19 nel Lazio. Lascia una moglie e tre figli

L'ospedale Spallanzani, foto di repertorio ANSA

E' stata disposta l'autopsia sul corpo del 33enne originario del Montenegro morto all'ospedale Spallanzani di Roma nella notte tra il 24 e il 25 marzo. Il ragazzo, residente in una palazzina popolare del Quarticciolo, è la vittima più giovane del Covid-19 nel Lazio. 

Solo dopo l'esame medico legale si capirà se il giovane è morto "con" o "per" il coronavirus. Di certo c'è che, secondo quanto ricostruito, il 33enne era arrivato allo Spallanzani lo scorso 11 marzo, in gravi condizioni e con una crisi respiratoria già in atto. 

Subito ricoverato nel reparto di terapia intensiva, le sue condizioni di salute sono poi peggiorate. Lascia una moglie e tre figli. I suoi cari, come da prassi in queste circostanze, sono stati messi in isolamento mentre resta da chiarire quali tipi di contatti abbia avuto, anche con altri parenti e conoscenti che vivono nel campo nomadi di via Salviati dove risiedono decine di nuclei familiari.

A Roma un'altra giovane vittima del coronavirus

Un dramma che riporta alla mente un'altra giovane vittima, Emanuele, il 35enne di Cave morto a Tor Vergata a causa del Covid-19. Il giovane, che lavovara in un call center,  non aveva patologie pregresse. A dirlo sono i risultati dell'esame autoptico effettuato allo Spallanzani e trasmesso ieri ai medici del policlinico Tor Vergata. Emanuele è stato ucciso dall'infiammazione causata dal Covid-19 che nella notte tra sabato e domenica è precepitata fino a coinvolgere gran parte degli organi vitali, portando il 35enne alla morte. Nessun organo era però in precedenza  danneggiato o soffriva di particolari malattie: il paziente, insomma, era sano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 35enne era stato a Barcellona dal 6 all'8 marzo assieme ad altri amici. Tre giorni dopo il suo rientro aveva iniziato a sentirsi poco bene e lunedì 16, dopo un consulto con il proprio medico di medicina generale, era stato ricoverato in terapia intensiva all'ospedale di Tor Vergata. Il medici non sono riusciti a salvargli la vita. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La testimonianza di Heather Parisi dalla Cina: "Oggi possiamo uscire, ma vietati tavoli al bar"

  • Belen contro Barbara d'Urso: l'affondo durante una diretta su Instagram

  • Coronavirus, come sono cambiati i trasporti pubblici durante l'epidemia

  • Fabio Cannavaro dalla Cina: "Oggi è finita la quarantena, ecco la mia testimonianza"

  • Coronavirus, anziani restano senza acqua: la figlia chiama il 112 dalla Germania

  • Coronavirus, a Rimini guarisce anziano di 101 anni: è nato durante l'epidemia di spagnola

Torna su
Today è in caricamento