“Una croce luminosa”, lo spettacolo nel cielo italiano: ecco di cosa si tratta

L'immagine scattata dalla strada litoranea che collega Milazzo a Barcellona Pozzo di Gotto (Messina) mostra un particolare fenomeno atmosferico mai visto prima: per capirne di più abbiamo contattato alcuni esperti

La croce nel cielo sopra l'isola di Filicudi (Foto di Andrea Falla - Today.it)

Di norma arriva prima la notizia e poi la foto, ma ci sono casi più rari in cui è da un'immagine che nasce la notizia. Proprio come è stato per questa splendida fotografia, scattata lo scorso 30 maggio dalla strada che collega Milazzo a Barcellona Pozzo di Gotto, in provincia di Messina

Uno scatto che lascia senza parole, una vera e propria croce nel cielo, posizionata perfettamente sopra la sagoma dell'isola di Filicudi, quasi come un segnale. Inevitabile fare subito un collegamento con il simbolo cattolico per eccellenza, è un segno divino? Un segnale dall'aldilà? Ovviamente no, anche se il primo pensiero che balza alla mente è proprio quello. Scartando questa ipotesi e tutte le altre soprannaturali, legate a Ufo o miracoli, rimane la domanda chiave su questo particolare fenomeno atmosferico: di cosa si tratta?

La forma ben definita e la posizione a 'mezz'aria' fanno escludere che la croce sia provocata dal particolare posizionamento delle nuvole, tanto che il simbolo luminoso sembrerebbe anche irradiare luce intorno a sé, escludendo definitivamente l'ipotesi legata alle nubi soprastanti. 

Per fare chiarezza sul mistero nascosto dietro questa immagine abbiamo chiesto il parere del dott. Silvio Davolio, ricercatore meteorologico dell'Isac, l'Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima legato al Cnr (Consiglio Nazionale delle Ricerche), che ci ha fornito la spiegazione scientifica a questo fenomeno molto singolare: “Direi che si tratta di due scie di condensazione di aereo che vengono illuminate dal sole al tramonto. Essendo molto alte nel cielo (di solito attorno ai 10 km di quota) rispetto al sole che sta tramontando, risultano illuminate in modo brillante rispetto alle nubi basse che stanno in primo piano. Personalmente non vedo altra spiegazione”. 

IMG-20170611-WA0002-4

Anche secondo Paolo Sottocorona, esperto meteorologo della redazione di MeteoLa7, quella del dott. Davolio è spiegazione più ovvia: "Sono sicuramente scie di condensazione, con tutta probabilità provocate dal passaggio di due aerei a quote diverse, con la distanza che da questa particolare prospettiva non si vede. La croce risulta in evidenza perché il sole riflette soltanto su quelle due porzioni di scie che vediamo in foto, ma il resto sarà sicuramente ancora presente nel cielo".

Un'ipotesi plausibile, in quanto per formare quel particolare simbolo a quell'altezza, i raggi solari devono per forza incontrare un ostacolo sui cui riflettersi. Fenomeni simili a questo sono stati ammirati a Medjugorje e raccontati da molti testimoni oculari, coinvolti emotivamente dalla vista di questi simboli, anche perché avvistati nella città bosniaca, intrinsecamente carica di significati spirituali. In Rete erano circolate varie bufale che riguardavano croci nel cielo o simboli simili, ma poi si erano rivelate tutte dei falsi. Almeno fino ad oggi. 

L'immagine è stata sottoposta anche ad altri esperti, che la stanno analizzando per capire se ci possano essere altre spiegazioni su questo incredibile fenomeno. Noi abbiamo cercato una ragione scientifica, ma ognuno è libero di vedere in questa foto quello che vuole. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Reddito di cittadinanza? No, grazie. La geniale trovata di Carlo per non lavorare

  • Temptation Island Vip 2019: puntate, coppie e tutte le anticipazioni

  • SuperEnalotto, estratto un 5+1 da mezzo milione di euro. I numeri vincenti di Lotto e 10eLotto

  • SuperEnalotto, estratto il 6 da 66 milioni di euro. I numeri vincenti e le combinazioni di Lotto e 10eLotto

  • Reddito di cittadinanza, sospensione temporanea: chi riguarda e come funziona

  • Eleonora Daniele, nozze con emozionante “intoppo”: la sorpresa del marito (con la complicità di Al Bano)

Torna su
Today è in caricamento