"Lunedì è probabile un nuovo cyber attacco": è caccia agli hacker

L'attacco cybernetico senza precedenti ha colpito decine di migliaia di computer in tutto il mondo, paralizzando banche, ospedali, agenzie governative, organizzazioni e grandi compagnie

Ansa

Continua la caccia all'uomo per trovare gli hacker che hanno realizzato l'attacco cybernetico senza precedenti che ha colpito decine di migliaia di computer in tutto il mondo, paralizzando banche, ospedali, agenzie governative, organizzazioni e grandi compagnie, come Renault, gli ospedali britannici, la FedEx e gli istituti di credito russi.

L'assalto cyber, iniziato venerdì sera, è stato descritto come il più grande attacco ransom di sempre. "Il recente attacco è giunto a un livello senza precedenti e richiederà una complessa indagine internazionale per identificare i colpevoli", ha dichiarato l'Europol aggiungendo che la speciale task force al suo Cybercrime Centre europeo è stata creata "in particolare per assistere questo tipo di indagini e giocherà un ruolo importante nel sostegno alle indagini".

Non è ancora chiaro il numero delle "vittime" dell'attacco. Gli esperti hanno dato soltanto cifre provvisorie che variano da 75mila a 130mila computer in tutto il mondo. Secondo la compagnia Usa Symantec la maggioranza degli obiettivi colpiti sono stati in Europa ma l'attacco è stato indiscriminato.

L'attacco, per quanto enorme, è stato rallentato dal un ricercatore britannico di 22 anni, che ha raccontato di aver usato una tecnica semplice, registrare il dominio attraverso cui si sviluppava e diffondeva il virus, bloccandolo di fatto. Il giovane è stato definito "l'eroe per caso" della giornata.

Il virus denominato ransomware era stato diffuso on-line da un'organizzazione denominata Shadow Borkers, specializzata nella commercializzazione illegale di materiale informatico rubato alla National Security Agency (Nsa) americana; la Microsoft aveva risposto con un patch di sicurezza già nel marzo scorso, ma gli hacker hanno approfittato del fatto che la maggior parte degli obiettivi vulnerabili - specie gli ospedali - non avevano ancora effettuato l'upgrade dei propri sistemi.

Il virus è stato trasmesso attraverso un malware inviato per e-mail; una volta installato, questo permetteva al "ransom" di entrare nei pc bloccandone l'accesso ai dati; lo sblocco era possibile solo mediante il pagamento di un riscatto (da cui la denominazione del virus) esclusivamente in bitcoin, ritenuta la valuta meno rintracciabile del mondo.

LUNEDI' E' ALLERTA - Un altro massiccio cyber attacco potrebbe essere imminente, "probabilmente lunedì mattina". Lo rivela il ricercatore britannico esperto di sicurezza che ha bloccato l'aggressione hacker iniziata venerdì a Bbc.

"MalwareTech", questo il suo pseudonimo, ha previsto che "un altro" attacco cyber "è in arrivo...molto probabilmente lunedì".

"E' molto importante che le persone aggiornino il loro sistema adesso. Abbiamo fermato questo, ma un altro è in arrico e non lo potremo fermare. Ci sono molti soldi in ballo. Non c'è ragione per loro di fermarsi. Non devono fare un grande sforzo per mofidicare il codice e ricominciare. Quindi ci sono buone probabilità che siano in procinto di farlo, magari non questo weekend ma molto probabilmente lunedì mattina", ha spiegato il ricercatore definito "l'eroe per caso" per aver fermato la diffusione del virus che ha colpito 99 Paesi in tutto il mondo acquistando per pochi dollari il dominio legato al malware.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A 12 anni va in ospedale per il mal di pancia: scoprono che è incinta di sette mesi

  • Oroscopo Paolo Fox, le previsioni della settimana dal 20 al 26 gennaio 2020

  • Enzo Iacchetti sul rapporto con Ezio Greggio: "Tra noi un tacito accordo di buona convivenza"

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Sanremo 2020, la furia di Claudia Gerini contro Amadeus: "Comportamento inaccettabile"

  • Vive con il cadavere del fratello, morto da tre mesi, ai piedi del letto

Torna su
Today è in caricamento