Filmati porno in casa, la mamma: “Fatemi rivedere i miei bambini”

Dallo scorso Natale non può più vedere i suoi due figli, di 14 e 16 anni: la 47enne di Ospitaletto nota come Daiana Mori si prepara al ricorso

Foto di repertorio

BRESCIA - E' finita nell'occhio del ciclone per le riprese di un film hard girato in casa e, dopo aver perso l'affidamento dei figli, ora avrebbe fatto ricorso in tribunale per poterli rivedere.

L'ultima sentenza del giudice, a pochi giorni da Natale, era stata infatti molto chiara: l'uso della casa coniugale (dove era stato girato appunto un filmato pornografico) rappresenterebbe un “pregiudizio gravissimo” alla dignità morale dei ragazzi. I suoi figli, di 14 e 16 anni, da allora non li può più vedere: li può soltanto sentire telefonicamente. Ma sulla motivazione del giudice la donna – nota sul web come Daiana Mori, 47 anni di Ospitaletto – avrebbe già pronto il ricorso: l'udienza è stata fissata il 19 gennaio prossimo.

Nel ricorso i suoi legali cercano ovviamente di difenderla: i video relizzati sarebbero stati la conseguenza di un problema, uno strumento e un mezzo per risolverlo e non certo “una scelta di vita”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      Renzi: "Peggio della scissione c'è solo il ricatto". La diretta dell'assemblea Pd

    • Politica

      Lega in piazza, Salvini attacca migranti e Pd: "Al voto subito"

    • Politica

      Il Financial Times boccia la Raggi: "Un fiasco che mina le ambizioni nazionali dei 5 Stelle"

    • Cronaca

      Palme in piazza Duomo a Milano, a fuoco tre alberi nella notte

    I più letti della settimana

    • In vacanza per tutta la vita: con un "Turista per sempre" vince 1 milione e 840mila euro

    • Incidente a Segrate, 17enne muore investita: forse si è lanciata da auto in corsa

    • Roberta Ragusa, niente carcere per Antonio Logli: respinta la richiesta della Procura

    • Delitto di Cogne, la Franzoni non pagò lʼavvocato Taormina: condannata

    • Attirata in trappola con un'offerta di lavoro e stuprata, appello della polizia: "Forse altri casi"

    • Un forte mal di testa, poi perde i sensi: muore a 31 anni, era incinta di cinque mesi

    Torna su
    Today è in caricamento