Il figlio del capitano della Moby Prince: "Facciamo luce: Renzi apra gli archivi"

Dopo Ustica, passeggeri e familiari delle vittime del disastro della Moby Prince chiedono al premier di accedere ai documenti chiusi negli archivi di Stato. L'appello sul web

Una petizione on-line per chiedere di desecretare il materiale ancora rinchiuso negli archivi di Stato sul disastro Moby Prince e la costituzione di una commissione d'inchiesta. Perché il 10 aprile 1991, quando nei pressi del porto di Livorno il traghetto entrò in collisione con la petroliera Agip Abruzzo, morirono 140 persone e ancora non si sa chi siano i colpevoli.

L'appello è stato lanciato da Luchino Chessa, figlio del comandante della Moby Prince, che in quel disastro perse padre e madre. Lui si rivolge direttamente al premier Matteo Renzi, che qualche tempo fa ha autorizzato la desecretazione dei documenti sulla strage di Ustica.

A poche ore dalla pubblicazione sul sito Change.org, erano già oltre 6mila le firme raccolte e il ritmo è serrato: decine di utenti ogni minuto stanno continuando a sostenere telematicamente la causa di Chessa, di passeggeri e familiari delle vittime del disastro.

Non è la prima volta che Chessa si appella alle istituzioni per spingerle a rendere pubblici i documenti che possono contribuire alla ricostruzione storica della sciagura. Un processo e due inchieste non hanno ancora risposto a tutti i quesiti. I familiari delle vittime hanno anche consegnato un dossier a vari gruppi parlamentari e ai ministri della Giustizia Annamaria Cancellieri e Andrea Orlando. Ma ancora sul caso non c'è neppure una commissione d'inchiesta, altra richiesta di Chessa nella petizione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Heather Parisi: "La seconda quarantena a Hong Kong? Ecco come stanno davvero le cose"

  • La testimonianza di Heather Parisi dalla Cina: "Oggi possiamo uscire, ma vietati tavoli al bar"

  • Coronavirus, l'appello disperato di Linda da Londra: "Ci lasciano morire soli a casa come animali"

  • Coronavirus, Renga: "Nella mia Brescia una tragedia, i nonni non ci sono più"

  • Amedeo Minghi ricoverato: "Avervi accanto è importante" (VIDEO)

  • Storie Italiane, Luca Argentero a Eleonora Daniele: “Non sapevo fossi incinta”

Torna su
Today è in caricamento