La perizia dopo la strage della discoteca di Corinaldo: "Irregolari le uscite di sicurezza"

Nella discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo la notte tra il 7 e l'8 dicembre morirono 6 persone

I consulenti incaricati dalla procura di Ancona per verificare le condizioni della discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo hanno segnalato irregolarità nelle vie di fuga della struttura dove la notte tra il 7 e l'8 dicembre morirono 6 persone.

Nel dettaglio, a essere contestate, la rampa dell’uscita numero 3, dove si è formata la calca e dove decine di persone sono cadute in un fossato per il cedimento delle ringhiere.

"L'uscita numero 3 presenta difformità dalle norme: altezza e capacità di deflusso insufficienti, pendenza elevata, carenza del corrimano centrale, balaustre laterali inidonee e in pessimo stato conservativo".

discoteca corinaldo-2

Mancano invece le tracce della sostanza urticante che, secondo quanto hanno raccontato coloro che erano presenti nel locale, sarebbe stato spruzzato nell'aria, causando problemi respiratori ai presenti e la fuga verso l'esterno. 

Nell'inchiesta, in mano alla procura ordinaria e quella dei minori, ci sono 10 indagati: i 4 proprietari dell'immobile, i 3 soci gestori del locale, un dj, una persona della sicurezza e un 17enne, sospettato di aver usato lo spray ma che si è difeso raccontando agli inquirenti che quella notte non era a Corinaldo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A 12 anni va in ospedale per il mal di pancia: scoprono che è incinta di sette mesi

  • Enzo Iacchetti sul rapporto con Ezio Greggio: "Tra noi un tacito accordo di buona convivenza"

  • Oroscopo Paolo Fox, le previsioni della settimana dal 20 al 26 gennaio 2020

  • Aumenti in busta paga da luglio 2020: chi può sorridere per il bonus "pieno" di 100 euro

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Vive con il cadavere del fratello, morto da tre mesi, ai piedi del letto

Torna su
Today è in caricamento